La poesia al femminile celebrata al WeGil

La poesia al femminile celebrata al WeGil

La cultura di donna del ‘900 è protagonista in un pomeriggio di storie e racconti. Nell’ambito della mostra “Poeti a Roma. Resi superbi dall’amicizia” si è tenuto il 12 giugno al WeGil l’appuntamento dal titolo “Tre donne nella Roma degli anni ’60 e ’70. Elsa Morante, Amelia Rosselli e Anna Maria Ortese”. Fulcro dell’evento, moderato da Giuseppe Garrera, gli interventi di tre autorevoli intellettuali: Adelia Battista, Maria Rosa Cutrufelli e Sandra Petrignani.

Un momento dell’incontro dal titolo “Tre donne nellaRoma degli anni ’60 e ’70. Elsa morante, Amelia Rosselli e Anna Maria Ortese”. Fulcro dell’evento, moderato da Giuseppe Garrera, gli interventi di Adelia Battista, Sandra Petrignani e Maria Rosa Cutrufelli.

Elsa Morante, Amelia Rosselli e Anna Maria Ortese rappresentano tre personalità di assoluta grandezza nel panorama letterario del Novecento. Ottima scelta quindi, per parlare di simili profili, quella di chiamare altre donne di valore, scrittrici e giornaliste come Adelia Battista, Maria Rosa Cutrufelli e Sandra Petrignani, per l’incontro dal titolo “Tre donne nellaRoma degli anni ’60 e ’70. Elsa morante, Amelia Rosselli e Anna Maria Ortese”, svoltosi il 12 giugno al WeGil nell’ambito della mostra “Poeti a Roma. Resi superbi dall’amicizia”. 

Un evento che è stato “un attraversamento delle parole”, come detto dal moderatore Giuseppe Garrera nell’introduzione. Il ricordo delle tre poetesse è anche quello della loro rilevanza politica. “Una prima radicale meditazione sulla questione femminile”, aggiunge Garrera, “dell’alterità dell’essere donna”.

Concetto che si declina in molteplici modi: come l’idea di “croce materna” introdotta da Sandra Petrignani parlando dell’opera di Elsa Morante. Quest’ultima esplora il rimpianto e la drammaticità di una dimensione per lei dolorosa, figlia di traumi personali. Una cupezza che si trasforma però in visionarietà, capacità che accomuna la Morante e Anna Maria Ortese, secondo Adelia Battista, “rendendole uniche”. “Riescono entrambe a raccontare il reale cercandone contemporaneamente un altro”.

Continua ricerca pungolata dal contrasto, nel pensiero della Ortese, tra vita e ragione. La conoscenza non può che passare attraverso un appartarsi a riflettere, interrogandosi su tutto ciò che non si comprende. “Una scrittrice morale”, aggiunge Maria Rosa Cutrufelli, “che indaga il bene e il male nella loro forma pubblica e privata”.

Per giungere ad Amelia Rosselli, imprigionata nei propri abissi. In quei “labirinti e selve della storia” creati da tragedie di guerra che la segneranno per sempre. Una infinità fragilità che diviene però forza angelica nella poesia. Capacità di volare declamando versi e parole con un’attitudine musicale unica.

About Marco Bombagi

Laurea Magistrale in Scienze Politiche con indirizzo sociale e del lavoro conseguita nel giugno 2006. Praticante giornalista presso "Lumsa News" ( scuola di giornalismo dell'università Lumsa) da ottobre 2007 a ottobre 2009. Giornalista professionista dal 19 gennaio 2010. Autore del romanzo "La Valle di Erec" edito da Progetto Cultura

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*