Falcone e Borsellino, il martirio dei giusti nell’Italia della “trattativa”
Novantadue, Falcone e Borsellino 20 anni dopo. Al teatro Piccolo Eliseo dal 2 al 6 maggio

Falcone e Borsellino, il martirio dei giusti nell’Italia della “trattativa”

Ricostruzione storica minuziosa e racconto emozionante di uno dei momenti più bui della storia del nostro Paese. Dalla penna raffinata e documentata di Cludio Fava nasce un’opera potente e sottile, delicata e impietosa di un anno in cui tutto cambiò affinché nulla cambiasse. Novantadue, Falcone e Borsellino 20 anni dopo in scena al Piccolo Eliseo dal 2 al 6 maggio è uno spettacolo didattico, un allenamento per la memoria degli italiani.  

 

Novantadue, Falcone e Borsellino 20 anni dopo. Spettacolo di Claudio Fava, per la regia di Marcello Cotugno, al teatro Piccolo Eliseo dal 2 al 6 maggio

Quell’estate di ventisei anni fa è stampata nella memoria di molti. Anche perché gli effetti e le conseguenze di quelle bombe vivono ancora oggi. Lo spettacolo Novantadue, scritto dal giornalista e politico siciliano Claudio Fava figlio dell’intellettuale Giuseppe assassinato da Cosa Nostra nel 1984, porta sul palco il contesto in cui trovarono la morte i due simboli della lotta alla mafia: i magistrati Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, morti in attentati spaventosi rispettivamente a Capaci e in via D’Amelio. In quel 1992.

I bravissimi Filippo Dini, nei panni di Giovanni Falcone, Giovanni Moschella in quelli di Paolo Borsellino e Pierluigi Corallo che interpreta il Consigliere istruttore e il mafioso, danno vita assieme al regista Marcello Cotugno ad un viaggio toccante e vibrante nel passato, partendo dalle emozioni di uomini che scelsero, per senso del dovere e passione per la giustizia, di combattere una guerra che in pochi volevano vincere. Emerge così, prepotente, dai dialoghi ricchi di sentimento e umanità un forte senso di solitudine: quello dei giudici abbandonati sia dalle Istituzioni che avrebbero dovuto sostenerli sia da gran parte dell’opinione pubblica, che si ricordò di loro solo per rimpiangerli.

Una storia oscura e tragica che vive ancora a distanza di quasi trent’anni, come dimostra la recente storica sentenza di primo grado al processo di Palermo su quella che è stata definita trattativa Stato-mafia. “Adesso sappiamo”, commenta l’autore Claudio Fava “che Falcone e Borsellino dovevano morire non solo per volontà dei Corleonesi ma anche per scelta di una parte di quello Stato che i due magistrati credevano di rappresentare e di tutelare”.

Grazie al talento dei protagonisti sul palco e ad un testo vero e forte vengono così trasmessi al pubblico tutti i timori e la frustrazione di uomini normali, pur nella straordinarietà dei loro destini. Rabbia e pena si mischiano nel proiettare quei giorni nel presente, pensando a cosa sarebbe potuto essere se solo ci fosse stato più coraggio. E più dignità. 

   

About Marco Bombagi

Laurea Magistrale in Scienze Politiche con indirizzo sociale e del lavoro conseguita nel giugno 2006. Praticante giornalista presso "Lumsa News" ( scuola di giornalismo dell'università Lumsa) da ottobre 2007 a ottobre 2009. Giornalista professionista dal 19 gennaio 2010. Autore del romanzo "La Valle di Erec" edito da Progetto Cultura

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*