Giornata nazionale degli alberi, uomo e natura insieme

Giornata nazionale degli alberi, uomo e natura insieme

Un momento del convegno “L’albero: la sua storia, la nostra storia”, in occasione della Giornata Nazionale degli Alberi 2014 – Al centro Estella Marino

La Società Geografica Italiana, assieme all’Ispra, Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale, e al Ministero dell’Ambiente, ha organizzato presso Villa Celimontana, in occasione della Giornata Nazionale degli alberi del 21 novembre, un convegno dedicato ai più grandi e antichi fra questi.
Tra gli ospiti l’assessore all’ambiente del Comune di Roma Estella Marino: “Nella città 335 mila piante, nuovo appalto per prendersene cura. E con il progetto Dona un albero a Roma  si può fare un regalo alla natura della Capitale”.

La tutela del territorio passa anche per la conservazione e la tutela delle piante che su di esso crescono. Tra queste le grandi alberature monumentali, i patriarchi della natura, tutelate da una norma, la n.10/2013, che viene ricordata proprio nella giornata più adatta, quella a loro dedicata.

“Un momento di riflessione”, si legge nella presentazione del convegno dal titolo “L’albero: la sua storia, la nostra storia”, tenutosi a Villa Celimontana il 21 novembre, “discussione e promozione di una diffusa cultura del verde come snodo cruciale fra salute, ambiente, paesaggio, economia, sviluppo, del Paese e dei suoi territori.”

Le piccole e grandi piante infatti, “plasmano in molti territori lo sky line italiano”, si legge ancora nella presentazione, “che incrocia l’economia dei flussi turistici con un tratto identitario fortemente radicato nelle comunità locali, in quanto affonda solide radici nella storia e nella cultura del nostro Paese”.

Tra gli ospiti dell’incontro anche Estella Marino, assessore all’ambiente, agroalimentare e rifiuti di Roma. “La nostra è una città ricchissima di verde”, esordisce. “Purtroppo molti dei suoi 335 mila alberi sono giunti a fine ciclo vita e possono cadere, con relativi pericoli per la sicurezza.
Per questo abbiamo deciso di affrontare il tema in maniera più strutturata con un nuovo appalto per le potature che comprende anche verifica, controllo monitoraggio e sostituzione, soprattutto quando abbiamo delle emergenze”.

Oltre alla manutenzione c’è la ripiantumazione delle piante rimosse. A questo proposito la Marino sottolinea un’iniziativa che coinvolge direttamente i cittadini nel preservare il verde della città: “Con il progetto Dona un Albero è possibile fare una donazione per regalare alla città una nuova pianta dedicandola a una persona specifica. Un modo per avvicinare i cittadini alla natura e ai Beni Comuni, rinsaldando il rapporto con le Istituzioni”.

Speriamo allora che la natura faccia il miracolo.

 

Marco Bombagi

About Marco Bombagi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*