Il Maestro Mazzocchetti, le musiche di scena e Il grande dittatore
Germano Mazzocchetti

Il Maestro Mazzocchetti, le musiche di scena e Il grande dittatore

Abbiamo intervistato il Maestro Germano Mazzocchetti, musicista e compositore di numerose musiche per teatro e cinema. Presto, al Teatro Eliseo, con la commedia musicale Il grande dittatore, di cui ci dà un assaggio.

Lei è uno dei più attivi e apprezzati compositori di musiche di scena, pluripremiato e con collaborazioni che vanno da Vittorio Gassman a Luca Zingaretti o ancora Dino Verde e Gino Landi. Considerando che tutto questo vuol dire creare arte e a grandi livelli, facciamo finta di essere ad una mostra: ci fa fare un percorso panoramico, attraverso i nomi con cui ha collaborato, per i sentieri della sua produzione?  

Ho  cominciato  nel  1978  a  comporre  musiche  per  il  teatro,  che  era  la   mia  aspirazione  da  diversi  anni.  Per  me,  appena  laureato  al  Dams,  rappresentava  un  modo  di  coniugare  le  mie  due  principali  passioni,  la   musica  e  il  teatro,  appunto. Avevo  sempre  pensato  di  volerlo  fare,  ma  poi,  come  spesso  capita  in   questo  mestiere,  se  nessuno  ti  dà  la  possibilità  di  cominciare,  le   aspirazioni  rimangono  solo  tali.  E  si  ripiega  a  fare  altri  lavori,  magari   simili,  ma  non  quel  lavoro.  Io  ebbi  la  fortunata  coincidenza  di  conoscere   Antonio  Calenda,  all’epoca  al  Teatro  Stabile  dell’Aquila.  Credette  in  me,  venticinquenne  senza  esperienze  se  non  nel  teatro  amatoriale,  e  mi   commissionò  le  musiche  di  una  “Rappresentazione  della  Passione”  con   Elsa  Merlini.  A  lui  quindi  devo  il  mestiere  che  faccio.  E  lo  ringrazierò   sempre. Da  quel  momento  ho  avuto  occasione  di  musicare  testi  delle  più  diverse   epoche  e  dei  più  diversi  generi,  andando  da  Eschilo  a  Pinter,  da  Goldoni  a   Beckett,  da  Shakespeare  a  Petrolini.  Fare  un  percorso  panoramico  è   quasi  impossibile,  dal  momento  che  ho  musicato  più  di  duecento   spettacoli.  Quello  che  posso  dire  è  che  per  fare  questo  mestiere  serve   soprattutto  aver  ascoltato  tanta  musica  (Bernstein  diceva  all’incirca  che   non  si  può  scrivere  quello  che  non  si  è  ascoltato)  ed  essere  stato  molto  a   teatro.  Non  si  può  pensare  di  scrivere  musica  di  scena  prescindendo   dalla  conoscenza  dei  tempi  teatrali  e  da  tutto  ciò  che  è  connesso  con  una   visione  d’insieme  della  messa  in  scena  in  tutte  le  sue  componenti. A  questo  va  aggiunta,  nel  momento  della  verifica  delle  musiche,  la   disponibilità  a  mettere  in  discussione  il  proprio  lavoro,  perché  non   bisogna  mai  dimenticare  che  scrivere  musiche  di  scena  vuol  dire  porsi  al   servizio  di  un  disegno  più  generale  che  è  la  regia  dello  spettacolo,  di  cui   le  musiche  sono  solo  uno  degli  elementi.

 Qualche parola per farci conoscere il mercato delle musiche di scena, in particolar modo quello della commedia musicale. Quali riscontri ci sono nella distribuzione dei dischi?
Le  musiche  di  scena  non  hanno  mercato,  se  per  musiche  di  scena   intendiamo  quelle  per  il  teatro  di  prosa.  Il  teatro,  per  quanto  io  ne   sappia,  non  ha,  come  il  cinema,  cultori  delle  colonne  sonore.  Quindi  i   dischi  di  musiche  per  teatro  non  esistono,  tranne  qualche  sporadico  caso,   che  rappresenta  l’eccezione.  E  che  quindi,  come  tale,  non  fa  né  mercato   né  statistica. Diverso  è  il  discorso  per  le  commedie  musicali,  che  da  sempre  hanno   avuto  una  discreta  distribuzione.  Penso  agli  spettacoli  di  Garinei  e   Giovannini,  per  esempio,  che  in  passato  ebbero  un  buon  mercato.  Magari   “di  nicchia”,  ma  c’era. Oggi  invece,  con  il  collasso  della  discografia  e  con  tanti  negozi  che  sono   costretti  a  chiudere,  la  vendita  del  cd  rimane  confinata  al  teatro  in  cui   viene  rappresentata  l’opera.  E’  un  mercato  “diretto”,  senza  mediazioni,   destinato  al  pubblico  che,  all’uscita,  porta  con  sé  la  testimonianza  di  uno   spettacolo  che  ha  (presumibilmente)  gradito.

Cosa pensa della situazione della musica per il teatro in questo periodo storico e ci sono giovani emergenti che potrebbero diventare altri Germano Mazzocchetti?  
Più  che  parlare  della  situazione  della  musica  per  teatro  oggi,   bisognerebbe  focalizzarsi  su  quella  del  teatro  tout  court.  Che  non  è   florida,  per  nulla.  Rintracciarne  le  cause  sarebbe  troppo  lungo  e  non  è   questa  la  sede.  In  generale,  oggi  si  producono  molti  spettacoli  in  meno   rispetto  a  qualche  anno  fa,  parecchie  città  non  hanno  più  risorse   sufficienti  per  allestire  una  stagione  teatrale,  le  repliche  di  uno   spettacolo  ormai  sono  sempre  meno  che  in  passato.  In  questo  contesto  è  difficilissimo  per  un  giovane  riuscire  ad  affermarsi   nel  campo  delle  musiche  di  scena,  perché  il  lavoro  purtroppo  è  sempre meno  e  la  possibilità  di  inserirsi  molto  bassa.  Per  questo  posso  dire  che   non  conosco  giovani  che  abitualmente  scrivano  musiche  per  teatro.    Un  musicista  che  stimo  molto,  della  generazione  successiva  alla  mia,  è   Giordano  Corapi,  che  collabora  con  Gabriele  Lavia.

Dal 16 febbraio al Teatro Eliseo avremo modo di ascoltare la sua opera nella commedia musicale IL GRANDE DITTATORE con Massimo Venturiello e Tosca. Quale tipo di lavoro serve per scrivere una commedia musicale rispetto ad altro genere di spettacoli, dove il testo musicale non diventa così protagonista?
La  commedia  musicale  è  frutto  di  una  collaborazione  che  per  forza  di   cose  dev’essere  molto  solida  tra  l’autore  del  testo  e  il  musicista.  E’  un   continuo  mutuo  soccorso.  In  genere  si  parte  da  un  testo  già  abbozzato  e   su  quello  si  costruisce  un’idea  musicale.  Poi  subentra  il  lavoro  di   tavolino.  Si  taglia  una  frase  del  testo,  se  ne  modifica  una  musicale,  si   aggiungono  o  tolgono  sillabe  ai  versi,  si  discute  sulla  struttura  del  brano.   Insomma,  un  lavoro  di  artigianato.  Che  al  termine  di  tutto  questo  taglia-­‐ e-­‐cuci  approda  alla  forma  definitiva.  Direi  perciò  che  nella  commedia  musicale,  più  ancora  che  in  altri  generi   teatrali,  il  legame  con  l’autore  è  finanche  più  profondo. La  musica  di  scena  per  uno  spettacolo  di  prosa,  invece,  si  scrive   seguendo  le  indicazioni  registiche  e  attenendosi  alla  sua  impostazione   generale.  Il  risultato  ottimale  sarà,  in  questo  caso,  quando  il  musicista,   pur  muovendosi  dentro  l’idea  della  messa  in  scena,  riesce  a  individuare   uno  stile  proprio,  che  sia  riconoscibile  anche  all’interno  della   “funzionalità”  di  cui  la  musica  di  scena  deve  indubbiamente  essere   fornita.

Venturiello e Tosca sono suoi compagni di lavoro da tempo. Ci racconta un dietro le quinte di questo spettacolo e del vostro sodalizio umano?    

Quando  scrivo  un  pezzo  per  Tosca  ne  aspetto  sempre  il  giudizio  con  un   certo  timore.  E’  una  grande  cantante,  tra  le  migliori  d’Italia,  e  non  lo   scopro  certo  io.  Il  momento  in  cui,  provando  una  traccia  musicale  magari   non  ancora  completamente  compiuta,  sento  come  lei  la  accenna,  dal  suo   modo  di  fraseggiare  capisco  se  il  pezzo  funziona  o  no.  E  se  funziona,   l’emozione  che  mi  provoca  è  immediata.  Bastano  poche  note. Ormai  siamo  al  quarto  spettacolo  con  la  coppia  Venturiello­‐Tosca  e  si   può  cominciare  a  parlare  proprio  di  “sodalizio”.  Il  rapporto  con  Massimo  ha  una  valenza  triplice.  Perché  lui  è  autore  (o  elaboratore  del  testo) e poi  regista e attore.  Ci  vediamo  sempre  nel  mio  studio,  dopo  aver  avuto   incontri  informali  su  come  procedere  col  lavoro.  E  da  lì  partiamo,   provando  e  riprovando,  limando,  aggiungendo.        Ormai  posso  dire  che  ognuno  di  noi  due  sa  cosa  chiedere  e  cosa   aspettarsi  dall’altro,  i  quattro  spettacoli  fatti  insieme  ci  hanno  portato  ad   avere  un’ottima  intesa.  Venturiello  ha  una  grande  musicalità  (tra  gli   attori  italiani  è  uno  di  quelli  che  cantano  meglio),  e a questa  unisce un’indubbia  esperienza  teatrale  e  conoscenza  del  palcoscenico.  Che lui vive sera  per  sera  da  attore.  Quindi  riesce  a coniugare  bene  i  due  ruoli,   quello  dell’ideatore  e  quello  dell’interprete. Credo  che  aver  formato  un  sodalizio  artistico  con  loro  sia  molto   importante  per  un  compositore  che  guarda  al  teatro  musicale  come  alla   principale  risorsa  del  suo  mestiere.

About Leonardo Masucci

Un commento

  1. Giovanna Alessandria

    Amo tutte le musiche del Maestro Germano Mazzocchetti, e non vedo l’ora di andare a vedere le sue ultime composizioni nel Grande Dittatore al Teatro Eliseo di Roma.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*