DOMANDE SENZA RISPOSTA. I NASTRI IN CENERE?

DOMANDE SENZA RISPOSTA. I NASTRI IN CENERE?
E‘ vero che le intercettazioni abusive sono una pratica inammissibile ma è anche vero che una volta acquisite dai magistrati potrebbero portare alla scoperta di reati anche gravi. Immaginiamo ci fosse la prova di traffici di droga o di armi o (più facilmente) di tangenti date o ricevute: distruggerle non significherebbe lasciare questi delitti impuniti? Il decreto che con singolare accordo dei due schieramenti il governo si è affrettato ad emanare dà adito ad altre perplessità, al momento in cui obbliga i magistrati alla distruzione "immediata" delle intercettazioni. Ma se per ipotesi le Camere negassero la conversione e volessero recuperarle, la cosa sarebbe impossibile perchè sono ormai andate in cenere. Tramite il decreto legge il governo ha messo le Camere di fronte al fatto compiuto, si è appropriato del potere di legiferare espropriandone l'organo legislativo. C’è da domandarsi quanto tutto ciò sia costituzionale.

About Contrappunti

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*