Una maratona per i diritti

(7 agosto 2012)      da Lucidamente n°80

Iniziativa del gruppo www.laicitaediritti.org e dell’Associazione LiberaUscita www.liberauscita.it) per rendere l’Italia sempre più europea attraverso l’approvazione nelle sedi locali di delibere su unioni civili, biotestamento, omofobia Il gruppo www.laicitaediritti.org e l’Associazione LiberaUscita promuovono la campagna Una invasione di civiltà. Maratona dei diritti per un’Italia sempre più europea. Infatti, la strada che dovrebbe portare al raggiungimento di diritti per tutti nel nostro Paese si sta facendo sempre più impervia: la crisi economica, le difficoltà lavorative fanno sì che nel pubblico dibattito siano quasi completamente scomparsi i temi riguardanti il fine vita, il diritto di ogni cittadino a vedere riconosciuto il proprio nucleo familiare, la lotta contro la discriminazione causata da un diverso orientamento sessuale. Ma veramente, pur trovandoci in un momento cosi drammatico, non è possibile fare niente per provare a risolvere i problemi di tante persone? A volte basta solo un piccolo sforzo e aver voglia di rivolgere il nostro sguardo verso gli altri. Per questo vi facciamo una proposta. Ci sono tre piccoli passi, che potremmo compiere insieme. Tre piccoli passi che consentirebbero al nostro Paese di rispettare le direttive europee e mettersi alla pari con le nazioni europee più avanzate. Tre piccoli passi che consentirebbero a tutti i cittadini di veder riconosciuta la propria dignità e i propri affetti, nel corso della vita, anche nel momento che una grave malattia metta in pericolo la facoltà di autodeterminazione. Per compierli bastano tre atti amministrativi:

1) una mozione per l’approvazione del registro del biotestamento (nei consigli comunali);

2) una mozione per l’approvazione del registro delle unioni civili (nei consigli comunali);

3) una mozione per promuovere la lotta contro omofobia e transfobia secondo quanto proposto dalla “maratona del buon governo” promossa dai tavoli lgbt del Pd e Sel (nei consigli comunali, provinciali e regionali).

Vi offriamo alcuni esempi, da scaricare e utilizzare liberamente nelle vostre città: – esempio di delibera consiliare per istituire il registro delle disposizioni anticipate di fine vit – esempio di delibera di iniziativa popolare per istituire il registro delle disposizioni anticipate di fine vita (Comune di Modena) – esempio di delibera consiliare per l’istituzione del registro delle unioni civili (Comune di Novi di Modena) – esempio di istanza di iscrizione (Comune di Novi di Modena) – il testo della mozione contro omo e transfobia, fattoci pervenire dagli organizzatori di questa maratona – il testo che era stato approvato in precedenza a Firenze – il testo approvato in Regione Lazio, specifico per i consigli regionali. Mettiamo a disposizione degli aderenti alla campagna “Una invasione di civiltà” altre due delibere relative all’istituzione del Registri delle unioni civili. La prima, approvata dal Consiglio Comunale di Torino il 28 giugno del 2010: http://www.laicitaediritti.org/documenti/deliberazionetorino.pdf. La seconda, proposta dall’Associazione Certi Diritti: http://metticilafirma.it/unioni-civili/. Inoltre rendiamo disponibile la delibera con la quale il Consiglio comunale di Torino ha costituito un servizio per il superamento delle discriminazioni basate sull’orientamento sessuale e sull’identità di genere: http://www.laicitaediritti.org/documenti/serviziolgbt.pdf. Aiutateci a trovare dei consiglieri, appartenenti a qualsiasi forza politica, che siano disposti a portare avanti questa maratona dei diritti e a presentare le mozioni nelle vostre città e province! Teneteci informati, in modo che il nostro sito resti sempre aggiornata sui vostri e nostri progressi. Presto arricchiremo lo spazio anche con approfondimenti dei temi trattati. Per ulteriori informazioni scrivere a laicitaediritti@gmail.com. Il gruppo www.laicitaediritti.org e l’Associazione LiberaUscita

Da LucidaMente

About Redazione

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*