Tirabassi è il coatto che ci piace!

Tirabassi è il coatto che ci piace!

In scena alla Sala Umberto Giorgio Tirabassi in Coatto unico senza intervallo, sul palco con Daniele Ercoli, contrabbasso e Giovanni Lo Cascio, percussioni.

Diretto dallo stesso Giorgio Tirabassi e scritto con Daniela Costantini e Stefano Santarelli, lo spettacolo presenta una panoramica del popolo di Roma, quello di periferia. Non è  il coatto fastidioso, invadente, stridente, bensì è quello verace, colorito nei modi e nell’aspetto. È  il coatto col collo di pelliccia oppure quello che, seduto sul muretto, controbatte all’amico, con fare dell’uomo di vita e un po’ dello scienziato dalla nascita, che il corpo che stanno vedendo steso, dopo una rapina,  non può essere morto perché “si no l’aveveno coperto…”

Tirabassi non è solo attore in questo spettacolo, ma anche cantante e musicista e lo fa con un’ottima riuscita. La sua voce scalda quando recita e riempie quando canta le canzoni della prima guerra mondiale o un blues e un rock alla romana. È uno spettacolo che ci fa passeggiare per le periferie, che ci fa sentire che la storia della Capitale è una storia che riguarda anche le persone semplici, quelle del  “popolo de Roma”: in fondo il coatto così come portato in scena è un patrimonio dell’umanità, un emblema da manuale, un vessillo, portatore della tradizione capitolina.

In effetti il coatto è davvero unico, perchè è aspaziale, si estende per quasi tutta la città, come il nostro che ci racconta di essere stato sfrattato dall’Alberone ed è andato a Spinaceto. È atemporale: c’è da sempre e da sempre ci rappresenta che si voglia o no, senza necessariamente esserlo o apprezzarlo, basta sentire di far parte del popolo di Roma.
 Il coatto è come un sanpietrino: c’è chi l’ha odiato camminandoci con i tacchi o andandoci in motorino, ma guai a pensare di rimuoverlo!

E poi è unico poiché è in scena  ininterrottamente, senza intervallo appunto, lui, instancabile, che con arte ci fa sentire fieri di essere coatti!

About Leonardo Masucci

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*