Star Wars al Vittoriano. Guerre stellari in action figures

Star Wars al Vittoriano. Guerre stellari in action figures

Star Wars, l’epica saga intergalattica nata dalla fantasia di George Lucas nel 1977, atterra, direttamente dallo spazio, nell’Ala Brasini del Vittoriano di Roma fino al 29 gennaio per la rassegna Guerre Stellari – Play, allestita da Arthemisia Group e Kornice.

Ad accogliere lo spettatore nel buio della sala sono le Action Figures di marca Kenner, ormai Hasbro, che il grandissimo collezionista Fabrizio Modina, curatore della rassegna, ha scelto di mettere a disposizione del pubblico romano.

guerre-stellari-play-roma

Superano il migliaio i pezzi esposti nelle bacheche di vetro, illuminate ad hoc per fare emergere dalle mura scure come le notti spaziali, i protagonisti fantascientifici delle avventure stellari care a milioni di persone nel mondo.

Nelle teche la principessa Leila è lì, immortale, accanto a Luke Skywalker e all’imponente criminale Jabba the Hutt.

A poca distanza, i maestri Jedi, Yoda e Obi-Wan Kenobi le fanno compagnia, uniti ad Han Solo e Chewbecca, affiancati fieramente al loro Millennium Falcon.

guerre-stellari-play

Non possono mancare Rey, eroina del “Risveglio della forza”, il cancelliere Palpatine, il Consiglio dell’Ordine degli Jedi, il Senato Galattico del Pianeta Coruscant, e nemmeno i robot R2-D2 e C-3PO insieme al simpatico BB-8.

Poco più in là troviamo i caccia X-Wing dell’Alleanza Ribelle e Darth Sidious, il Signore dei Sith, insieme al minaccioso Darth Vader con le sue truci truppe imperiali unite ai celebri quadrupedi.

guerre-stellari-play-roma

Il trentennale merchandising è strettamente collegato al successo di Star Wars e da qui la decisione di Arthemisia Group di rendere omaggio, ad una saga che ha saputo diventare un brand capace di continuare a conquistare il pubblico, una volta uscito dalle sale.

Raccogliendolo le action figures nel famoso complesso espositivo del Vittoriano, gli eroi dello spazio tornano ad emozionare mostrando la loro evoluzione nell’arco del tempo, il cambio della foggia di costumi, dei volti e dei materiali, il succedersi della storia e quello dei personaggi.

Insieme ad alcuni soldati imperiali realizzati a grandezza naturale, i “pupazzetti” del percorso, garantiscono un viaggio tra le stelle come sempre si tratta quando ci si accosta a Star Wars.

About Redazione

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*