SILENZIO, PARLA PRODI

SILENZIO, PARLA PRODI
Eurostar bloccato con 450 persone lasciate dodici ore al gelo senza soccorsi? Prodi: “C'erano in giro migliaia di treni… quello era uno”.
Tormentone sul decreto-sicurezza votato in modo dilettantesco su un testo sbagliato: si conferma, si cambia, si ritira? Alla fine si ritira. Evidentemente quello che una settimana fa era urgente adesso non lo è più. Altro pasticcio penoso: il ricorso contro la sentenza che ha annullato il licenziamento di Speciale per dilettanteschi errori e vizi di forma, si presenta o non si presenta? Alla fine Prodi decide (sembra) di non presentarlo nel timore (fondato) che anche il Consiglio di Stato gli dia torto. Però accusa Speciale: “le sue dimissioni sono irrituali”. Perbacco.
Il New York Times afferma che l'Italia è un paese arretrato e triste? Prodi: “Non è vero, io sono felice”.
L'Assemblea dell'Onu esprime un no (ma non è vincolante, e non è il primo) contro la pena di morte? Prodi: “E' un orgoglio per l'Italia”. Per fatalità è lo stesso giorno in cui arriva la tragica notizia di altri cinque operai morti sul lavoro. Una vergogna per l'Italia. Peccato che lui non l'abbia detto.

About Contrappunti

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*