Provaci ancora, Matteo
(fonte immagine: www.melty.it)

Provaci ancora, Matteo

Appena inaugurato il semestre italiano di presidenza UE, ma già nulla e nessuno sembrano essere dalla parte di Matteo Renzi

di Adalgisa Marrocco

(fonte immagine: www.melty.it)

(fonte immagine: www.melty.it)

Poche parole, cartelline in stile brainstorming distribuite ai parlamentari europei, sorriso ammiccante e molta sicurezza. È apparso così Matteo Renzi durante l’inaugurazione del semestre italiano di presidenza europea. Se in Italia il buon Matteo ha dimostrato di saper tenere in mano le redini (seppur con modalità e fini opinabili), in Europa la sfida è molto più difficile e le sue prime mosse si sono già rivelate dei piccoli fallimenti.

GLI OSTACOLI EUROPEI ALLA STRATEGIA RENZIANA – Rinviare di un anno il pareggio del bilancio? I tecnici europei già pongono il veto, mentre per il poco probabile beneplacito politico ci sono da attendere il parere della Commissione e il prossimo Consiglio Ecofin. D’altronde, a Strasburgo i confini sono già tracciati: popolari e merkeliani hanno già occupato posizioni strategiche all’interno della macchina burocratica comunitaria, mentre l’eurocrate Jean Claude Juncker è il designato presidente della Commissione UE.

STRIZZARE L’OCCHIO ALLA MERKEL NON BASTA – A cambiare le carte in tavola non basteranno i tentativi di Renzi mirati ad instaurare un rapporto privato e personale con Angela Merkel. In Europa gli equilibri non vengono stabiliti in maniera così semplicistica e a vigilare sul rigore ci sono anche le presenze ingombranti di Fondo Monetario Internazionale e USA.

VANTAGGIO POLITICO, DEMERITO ECONOMICO – Dalla parte del nostro presidente del Consiglio c’è quell’abbondante 40% che il PD è riuscito ad incassare alle Europee, ma sul piano economico il Bel Paese non può ancora permettersi di dispensare verità e lezioni. Colpa nostra o demerito altrui,  il debito italiano non smette di crescere per via del mancato sviluppo e degli inesauribili interessi passivi.

In Europa provaci ancora, Matteo.

About Adalgisa Marrocco

Nata in provincia di Latina il giorno di San Valentino del 1991. Firma di politica e bioetica per diverse testate on-line, raccontatrice per Edizioni La Gru col libro “Supermarket e altri racconti indigesti”, traduttrice, sempre politically scorrect.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*