POST IT PER CURZIO MALTESE, ANCHE LUI SPERANZOSO CHE SARANNO GLI ALTRI A SALVARCI

POST IT PER CURZIO MALTESE, ANCHE LUI SPERANZOSO CHE SARANNO GLI ALTRI A SALVARCI
(16.9.09) Caro Maltese, ci ha fatto cascare le braccia leggere su Repubblica questo incipit del suo articolo sulla puntata di "Porta a Porta" di ieri sera: “C'è poco da commentare (…) Bisogna passare ai fatti. Registrare tutto e inviarlo al resto del mondo, via Internet, con una sola parola d'accompagnamento: "aiuto!". Tre ore di spot governativo, con il miglior presidente del Consiglio degli ultimi 150 anni, autoproclamatosi superiore a De Gasperi, senza alcun contraddittorio, non soltanto in studio, ma nell'etere intero. Che ne penseranno nei paesi democratici?” Ma cosa vuole che ne pensino, caro Maltese? Ammesso che a Lione e a Monaco di Baviera ci sia gente che leggerà questa sua invocazione di aiuto, non gliene fregherà di meno, faranno un sorrisetto e penseranno ai fatti loro. Possibile che anche Lei, una delle menti più fini del quotidiano di Mauro, abbia l'ossessione che saranno gli altri a tirarci fuori dal berlusconismo?  Cosa vi immaginate, voi di Repubblica, che francesi, spagnoli e tedeschi manderanno le truppe speciali per defenestrare l'Egocrate? O che faranno commissariare l'Italia dalla Ue? Piantiamola con queste penose invocazioni a Franza e Spagna a mettere ordine in Italia come ai tempi del Seicento. Se non siamo capaci di liberarci noi di Berlusconi dovrebbero riuscirci gli altri? Cerchiamo piuttosto di capire come mai la gente si è schifata del governo Prodi-Ferrero-Pecoraro, come mai a Roma si sono schifati di Rutelli e in Italia di Veltroni. Proviamo con umiltà a domandarci in che modo il centrosinistra può recuperare la fiducia perduta. Cosa sicuramente improba, ma l'unica che possiamo fare.

About Redazione

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*