OCCHI DI CARLOTTA/4 – AIUTO SI E’ ROTTA CAMILLA

carlotta

Capita a volte di possedere una tv che sembra ormai una persona di famiglia tanti sono gli anni che sta in casa, una di quelle che, se non si accendono, è perché dobbiamo dare un colpetto su quell’infinita “scatolona” dietro al monitor contenente il tubo catodico. E quando proprio non possiamo fare più a meno di sostituirla ci riesce difficile orientarci tra le migliaia di prodotti che ormai offre il mercato. Forse meglio allora farci sedurre da un nuovo modello di telefonino, anche se siamo ben consapevoli che saremo in grado di utilizzare al più solo tre o quattro delle sue duecentomila incredibili funzioni. Cellulari, la malattia del secolo. Contagiosa per di più.
di Carlotta Quadri
 
La cattiva notizia è che mi si è guastata la televisione. Camilla, la mia vecchia amata 16 pollici (è stata con me talmente tanti anni che mi è sembrato doveroso darle un nome), mi ha lasciata.
 

Lei è ancora di quelle che, se non si accendono, è perché devi dare un colpetto su quell’infinita “scatolona” dietro al monitor contenente il tubo catodico, che fa tanto retrò e che in fondo mi fa sentire un po’ parte di Happy Days. Rischiando quindi, tutte le volte che mi riesce di farla partire con una botta, di dire “Heeey“ con annessi pollici in su, come Fonzie con il suo Juke Box.
Ma adesso, povera Camilla, mi ha lasciata. Ebbene sì, saranno stati i troppi “buffetti” che ha ricevuto in tutto questo tempo. Facendomi un repentino esame di coscienza, in effetti forse qualche volta la veemenza con cui l’ho colpita è stata un tantino eccessiva ma non è mai stato fatto con cattive intenzioni (capitano a tutti i giorni neri, no?).

E dunque sabato sono stata in uno di questi supermegacentri dove vendono le “cose tecnologiche”. Tralasciando il fatto che il sabato sia decisamente il giorno meno indicato per andare, vista l’affluenza, mi piace girovagare (o forse a questo punto dovrei, per meglio dire, sgomitare) tra i corridoi che espongono la merce.
Dovevo comprare un sostituto di Camilla e sono andata a documentarmi un po’ su quali fossero le nuove offerte. Diciamo che il mio avvicinamento ai prodotti tecnologicamente d’avanguardia è piuttosto recente, ho da poco fatto la scoperta sconvolgente che “HD” non è una malattia, “LCD” non è una droga, “plasma” non allude a nessun liquido rosso e “16:9” non è una posizione del kamasutra (ho sempre avuto qualche problema con la spregiudicatezza con cui, a volte, vengono trattati taluni argomenti ma questa è un’altra storia).
Girovagando per il negozio ho adocchiato un gruppo di persone attorno ad un banco circolare, erano talmente tante e accalcate che era difficile, da lontano, distinguere cosa si vendesse. Incuriosita e con la speranza quasi che regalassero qualcosa, data la quantità di gente, mi sono avvicinata.

Adesso io mi chiedo e vi chiedo: ma quale tipo di problema hanno gli italiani con il cellulare?
Possibile che ci siano così tante persone che ancora non posseggono un telefonino e che quelli che ne devono comprare uno nuovo, in sostituzione al vecchio, siano così numerosi?
Wap, Gsm, Edge, triband, quadriband, Mp3, fotocamera digitale con quarantamila (ma che dico mila? quaranta “miliooooni”…) di megapixel, navigazione internet, flash integrato, bluetooth, batterie al litio, tecnologia Java…va bene, non vado avanti.
Ho sentito una persona, tra l'altro di una certa età, chiedere se il telefono comprendeva la scheda micro sd mu-22x da 1 gigabyte.
Praticamente arabo.

Chissà quale fatica può aver fatto una persona adulta, cresciuta in un’epoca dove anche la televisione rappresentava un lusso, a orientarsi in tutto questo marasma di sigle, parole inglesi e abbreviazioni. Chapeau.
Diciamocelo, la fotocamera integrata pure pure, ma a cosa ci serve avere una memoria da 1gigabyte in un telefonino? E invece più optional ci sono, più ne vorremmo, anche quando non servono (avessi usato anche solo una volta la navigazione in internet del telefono, mai…).
Mia madre (così come le sue amiche) è un miracolo che abbia imparato a mandare messaggi (e lo ha fatto solo perché doveva farmi le fatidiche e sempre presenti domande da mamma… Dove sei? Cosa fai? Vieni a cena?) e ogni volta che ne deve scrivere uno ci metterebbe meno a recitare tutto il 5 Maggio di Manzoni. Sarà mia madre ad essere strana, essendo così tecnologicamente e irrimediabilmente indietro (unica ragione quindi, si scopre, per cui frequenta quel determinato gruppo di amiche?) oppure il tripudio di tecnologia sui cellulari è davvero così futile?

Non saprei, so solo che dopo un po’ ho deciso di voltare i tacchi e tornare da Camilla.
Con l’illusione dettata dalla speranza che in fondo, forse, con qualche altro colpetto assestato strategicamente, si sarebbe ripresa.
Ma mentre tornavo a casa ha cominciato ad insinuarsi nella mia testa un pensiero che, una volta raggiunto l’ascensore, era divenuto una certezza.
Avevo bisogno di un cellulare nuovo.
Nel mio la telecamera integrata non ha il flash.
Inaccettabile.
Date retta a me, la malattia del secolo sono i cellulari. Contagiosa per di più!
 
 

About Contrappunti

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*