La Capannina, quei favolosi anni del boom
La storica Capannina

La Capannina, quei favolosi anni del boom

Lo storico locale di Forte dei Marmi questo mese festeggia gli 85 anni e tutto agosto proporrà per l’occasione molti eventi. Il locale, presente nel film di Carlo Vanzina del 1982, “Sapore di mare” e nel successivo di Bruno Cortini del 1983, “Sapore di mare 2”, è ancora il simbolo della mondanità versiliana.

Era in origine un capanno usato da un falegname, quando Franceschi lo prese e fondò appunto la Capannina, pare per giocare a carte con gli amici. Ora ha il primato come locale da ballo con ristorante più antico del mondo e da sempre porta lo stesso nome. Ha visto entrare nobili quali i Della Gherardesca, i Rospigliosi e gli Sforza; intellettuali del calibro di Montale, Ungaretti e Primo Levi e l’esponente fascista Italo Balbo. Ha riempito serate con i lenti ballati sulle note di “Sapore di sale”, cantata da Paoli sul palco in sala o di Edoardo Vianello che proponeva  “O mio Signore”,quando non scatenava gli ospiti con “I Watussi” e andando avanti con Fred Bongusto, Bruno Lauzi, Ray Charles, Edith Piaf e Gloria Gaynor, a titolo di esempio.

Gli anni di maggior successo furono quelli dal 50 al 70 che facevano ballare l’Italia del boom economico, quella che vedeva entrare nelle proprie case i primi frigoriferi e le prime lavatrici; sulle  nuove autostrade cominciavano a marciare le FIAT 500 e 600 e quindi iniziava l’abitudine italiana di andare in vacanza per due stagioni, quella estiva e quella invernale. Nei cinema si proiettava il nuovo genere della commedia all’italiana. Qualcuno poteva vantare il televisore nel proprio salotto, mentre molti altri si radunavano nei bar o a casa del vicino, fortunato possessore del nuovo elettrodomestico, per vedere “Lascia o raddoppia?” condotto da Mike Bongiorno. Costo di un televisore di media qualità era sulle 200mila lire e il canone di abbonamento sulle 12.500 lire. Lo stipendio era di 32000 lire nel ’50, fino ad arrivare alle 150.000 degli anni ’70. Erano i tempi dei tempi che non tornano più. La Capannina ha resistito, l’Italia, diciamo…ha fatto boom!

Leonardo Masucci

About Leonardo Masucci

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*