J. Percorsi: itinerari di scoperta nell’arte dei cocktail

J. Percorsi: itinerari di scoperta nell’arte dei cocktail

A Roma uno dei migliori cocktail bar, tra percorsi degustativi, musica e arte

 
Lo si schiaccia dolcemente tra lingua e palato;
lentamente fresco e delizioso, comincia a fondersi:
bagna il palato molle, sfiora le tonsille, penetra nell’esofago accogliente
e infine si depone nello stomaco che ride di folle contentezza.

Gustave Flaubert

 

Alice, Marta, Giorgia, Francesco, Luca, Ilias, Paolo, Alessio, Alessandro, Matteo. Età dai 21 ai 33 anni. Giovanissimi imprenditori che arrivano tutti dalla stessa scuola e che insieme hanno unito le forze per dar vita ad un sogno, un progetto, un incontro di energie. Tutto questo è J. Percorsi.

31 ottobre 2014. Via della Luce, Trastevere. Siamo nel cuore di Roma, lì dove il tempo sembra essersi fermato, tra i vicoletti in sampietrini e i vecchi palazzi dal sapore romanticamente decadente. Un’atmosfera avvolgente porta fin lì, all’ingresso di questo locale, ristorante e cocktail bar inaugurato lo scorso Halloween. Siamo da J. Percorsi.

Nato dall’idea di dieci giovanissimi ragazzi, ex studenti, insegnanti e due proprietari della Mixology Academy, J. Percosi arriva dallo studio e dalla passione dei cocktail per tradursi nello spazio concreto di un locale: “l’idea nasce partendo dal bar, il bar tending, la miscelazione, il molecolare, il taglio frutta, le decorazioni e la caffetteria. Il concept è proprio quello dei percorsi come dice anche il nome, suggerire proposte degustative sia nel bere che nel mangiare, in un’esperienza sensoriale unica. Così come si beve un buon vino, desideriamo invitare le persone ad imparare a bere anche un buon cocktail” racconta Giorgia. “Siamo tutti più o meno specializzati in un determinato settore, bar manager, direttore di sala, amministrazione, organizzazione tecnica, comunicazione, pubblicità. Grazie a questa suddivisione siamo riusciti a realizzare un progetto molto grande già in partenza”.

 J. Percorsi ha ideato un viaggio attraverso l’esperienza di tre differenti cocktail, un pre-dinner, un all day e un after dinner da assaporare nella calda atmosfera, seduti sui divani come in un salotto. Tre specificità diverse che fanno strada nell’affascinante mondo della mixologia, in un connubio di sapore e sperimentazione insolito e accattivante, nell’ottica della scoperta e del piacere del bere bene.

E già il nome J. Percorsi racconta una storia particolare. Jacques Percorsi è un cuoco italo francese conosciuto per caso da uno dei ragazzi durante un viaggio in treno. “Dopo aver lavorato un po’ in tutto il mondo, ha deciso di unire le sue esperienze in un’unica realtà”. Ebbene l’idea del viaggio arriva da lì, il percorso appunto è ciò che maggiormente interessa e che ha ispirato il locale. In risposta alla zona attraversata da tanti ristoranti di cucina romana, J. Percorsi offre qualcosa di diverso dunque: un cammino nel gusto in cui scovare nuovi originali abbinamenti tra cocktail e piatti.

“Un cocktail è la scelta del prodotto, di ogni ingrediente, il bilanciamento, l’ispirazione, il bicchiere persino”. Il bancone diviene così una sorta di palcoscenico dietro al quale gli elementi si compongono o ricompongono e da cui il cliente può partire per capirne lo studio.

Lo sposalizio con la cucina poi è qualcosa di entusiasmante. Il cocktail attende pazientemente il piatto, come un uomo con la propria amata, e poi ci si abbina voluttuosamente: “vorremmo che il cliente dopo aver assaggiato il piatto ed il cocktail, trovi l’unione perfetta”. Un esempio? Il salmone alla piastra accompagnato da un Chinese Ice Tea. Nato dalla famiglia dei Long Island, è in questo caso nella variante fatta con un liquore al lychees e il succo di cranberry (mirtillo rosso americano). Forte del sapore fruttato che lo caratterizza, si può dire con certezza che si tratta di un matrimonio d’amore.

J. Percorsi è percorsi di gusto sì, ma anche di condivisione e di arte. Dopo avere realizzato incontri di tandem linguistici nell’ora dell’aperitivo con grande successo, si organizzano spesso anche serate di musica dal vivo con gruppi jazz, soul, blues e bossanova e talvolta anche in versione elettronica rivisitata. Inoltre ci sono gli appuntamenti culinari, come la giornata gluten free dello scorso 18 marzo.

E poi ancora l’arte: il 12 aprile vernissage della mostra pittorica e fotografica delle artiste romane Silvia Sempreviva e Bruna Coppi.

Tutto questo e molto altro ancora è J. Percorsi

Seguite il gusto!

ristorante_cocktail_bar_roma_trastevere_percorsi_1

https://www.facebook.com/PercorsiRoma?fref=ts

http://percorsitrastevere.roma.it/

foto di Francesca Suplina

 

About Elisa Suplina

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*