COSE DA NON CREDERE. COME RAZZOLANO I PALADINI DEL PRECARIATO

COSE DA NON CREDERE. COME PREDICANO E COME RAZZOLANO I PALADINI DEL PRECARIATO
(29.12.08) A margine del preoccupato intervento di Benedetto XVI in favore dei precari (“Occorre assicurare condizioni dignitose di lavoro per questi giovani” – ha proclamato ieri celebrando i 40 anni della messa di Paolo VI all'Italsider, e naturalmente tutti, sindacalisti e politici, si sono subito inginocchiati riverenti: “un monito che dobbiamo accogliere”) La Stampa ha pubblicato il commento di una precaria del Vaticano, Valeria Pireddu, 25 anni, hostess dell'Opera romana pellegrinaggi. “Peccato, ha detto, che l'esperienza concreta mia e di una quarantina di mie colleghe sia tutt'altra”. Per un anno la ragazza ha lavorato negli autobus turistici di “Roma Cristiana” in condizioni di autentico sfruttamento, senza contratto né busta paga né assistenza di malattia né contributi previdenziali e assicurativi. “C'è una cappa di ipocrisia, ha accusato, che ben conosce chi abbia sperimentato il lavoro quotidiano con il Vaticano". “Quella che mi colpisce di più è l'incoerenza tra i valori proclamati e la prassi quotidiana”. “Sono rimasta tanto più ferita da come per un anno intero ho visto negati quei diritti basilari e quelle tutele minime che ora giustamente il Pontefice invoca per tutti e chiede ai governi di applicare”. La Pireddu, che lavorava in nero per poco più di 6 euro l'ora, ha dovuto avviare una vertenza presso l'Ispettorato del lavoro per cercare di ottenere il compenso che le sarebbe spettato in base alla legislazione italiana.

About Contrappunti

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*