COSE DA NON CREDERE, BRUNETTA RISCRIVE IL CODICE PENALE

COSE DA NON CREDERE, BRUNETTA RISCRIVE IL CODICE PENALE
(27.5.09) Pubblichiamo (in "Lettere", nella sezione Pubblica amministrazione) lo scritto ironico di un affezionato lettore dedicato a quel ministro che D'Alema, con termine molto scorretto e irrispettoso che deploriamo, ha chiamato "energumeno tascabile". Il politico più amato dagli industriali (standing ovation all'ultima assemblea di Confindustria), quello che ha annunciato senza pudore l'ennesima imminente fine delle code e che ha partorito una riforma dalla quale forse, chissà, tra qualche anno arriverà la soluzione del dieci per cento dei problemi della nostra amministrazione. Ma che nell'attesa continua a spargere disprezzo sugli operatori (fingendo di credere che l'unico motivo per cui la nostra amministrazione è inefficiente sia il loro fannullonismo) e a fare terrorismo minacciando sanzioni contro medici e impiegati più pesanti di quelle previste per chi guidando in modo spericolato uccide dieci persone.

About Redazione

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*