Buon Natale un corno

Buon Natale un corno

Gli italiani si apprestano a celebrare l’ennesima, mesta, fine d’anno. Consumi a picco in un Paese eternamente in crisi e, come certificato dall’ultimo rapporto Censis, sempre più cinico e depresso tra una retata e un tax day. Con buona pace della retorica dell’ottimismo in stile pubblicità del panettone. Il nuovo personaggio del presepe 2014 sarà “er cecato” Carminati?

Si fa presto a dire auguri. Anche senza le piume da gufo è dura dare retta ai “banditori di smisurate speranze”, per dirla con le parole sibilline del quasi ex Presidente Napolitano, indirizzate secondo molti all’attuale Premier. Il Natale 2014, a dispetto del clima insolitamente mite, si profila freddo sotto molti profili, a cominciare da quello economico.

Sotto l’albero i doni saranno pochi a quanto pare, con “un calo medio del 40-50%, con picchi fino al 60% rispetto a un anno fa”, è l’allarme di Adusbef e Federconsumatori, secondo il cui osservatorio nazionale “la spesa per i regali è stata ridotta del 6,2% rispetto al 2013 e del 39,9% se paragonata al 2010”. Che allegria.

Un Paese, l’Italia, sempre più “immobile e incapace di reagire”, come diceva Sergio Marchionne, Amministratore delegato della fu Fiat, oggi la straniera Fca, e non certo annoverabile tra le cupe schiere dei rosiconi, solo pochi mesi fa. Poi venne il rapporto del Censis sulla situazione sociale italiana i primi giorni di dicembre e non fu certo una strenna natalizia: “Italiani sempre più soli, impauriti, vulnerabili, ma anche cinici”. Nient’altro?

“Più diseguaglianze, meno integrazione, ceto medio corroso”. Un contesto di insicurezza globale tale da far pensare al 60% degli italiani “che a chiunque possa capitare di finire in povertà, come fosse un virus che può contagiare chiunque”. La reazione a tutto questo quindi è un “attendismo cinico, per cui non si investe e non si consuma, il contante è considerato una tutela necessaria” e prevale la filosofia del “bado solo a me stesso”.

E tutto ciò prima che venisse aperto il Vaso di Pandora di #MafiaCapitale, rigorosamente preceduta dall’asterisco-ashtag, con l’operazione Terra di Mezzo che ha gettato la Capitale, e con essa tutto il Paese, nel discredito facendo luce su una vera e propria cupola, non meno evidente del “cupolone”, di malaffare e ladrocinio bipartisan e capillare, giusto nei giorni in cui l’Italia vinceva il premio di nazione più corrotta d’Europa.

Al vertice di tale organizzazione una vecchia conoscenza degli anni settanta e delle patrie galere, il “nero” di Romanzo Criminale Massimo Carminati, ex Nar, terrorismo neofascista, e Banda della Magliana, altrimenti detto “er cecato” per una vecchia ferita all’occhio sinistro subita durante una scontro a fuoco con un Carabiniere. Divenuto una vera celebrità dopo decenni di anonimato, Carminati rischia seriamente di essere protagonista occulto, più o meno come i Servizi a cui faceva servizi, di cenoni e tombolate. Una sorta di convitato di pietra, o di piombo.

Chissà che qualche artigiano non abbia già creato la sua statuetta per il Presepe 2014, da posizionare, però, a distanza di sicurezza dal Bambinello. Tanto per ricordarci che sarà anche Natale, ma questa rimane sempre l’Italia.

Marco Bombagi

 

About Marco Bombagi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*