LA MANFRINA SUL DECRETO SVILUPPO A COSTO ZERO

(20 Ottobre 2011) Parlando all’Inaugurazione dell’anno accademico della Scuola di polizia tributaria, alla presenza del Ministro dell’economia e della finanze, il Comandante generale della Guardia di Finanza Gen. Nino Di Paolo ha citato gli ultimi dati del Fondo monetario internazionale su riciclaggio che viene stimato al 5% del PIL mondiale e al 10% per l’Italia. Il Gen. Di Paolo ha inoltre citato L’OCSE che valuta tra i 5 e i 7 mila miliardi di dollari (circa 10% del PIL mondiale 63 mila miliardi di dollari) i capitali nascosti nei paradisi fiscali. Il Comandante generale della GdF non ha citato il dato sull’Italia perché non disponibile. Il Governo mostra qualche riluttanza a conoscere quanti soldi sono nascosti persino in Svizzera con la quale non sembra volere arrivare ad un accordo come hanno fatto Germania ed Inghilterra.      


Di Paolo ha sottolineato che “l’evasione fiscale, il sommerso, le frodi sui finanziamenti pubblici, la criminalità organizzata, il riciclaggio, l’abusivismo finanziario, le truffe in danno dei risparmiatori, la contraffazione, sono espressione di una minaccia unitaria per la stabilità del sistema sociale e produttivo, che mettono in pericolo i conti pubblici, le politiche di sviluppo, le prospettive di crescita delle imprese, le fasce più deboli della popolazione”. Se aggiungiamo anche la corruzione si arriva ad un dato globale veramente impressionate e scandaloso: un terzo circa del PIL – qualcosa come 500 e passa miliardi di euro – si porta addosso il marchio dell’illegalità. Di fronte a tanto sfacelo Tremonti ha preferito parlare d’altro e prevede scenari catastrofici se a livello europeo non vengono adottati gli eurobond. Il Presidente del Consiglio invece apre ad una forma di concordato di massa, alias, un condono camuffato – ovviamente per trovare i fondi per finanziare il secondo decreto sviluppo ancora in gestazione. Pure il Presidente Berlusconi ha finalmente capito che, a breve termine, non si può fare sviluppo a costo zero. Vorrei notare che sul c.d. concordato di massa il Sole 24 Ore dedica ampio servizio a p.7 mentre il resoconto sul discorso del Comandante generale della GdF occupa due colonnine di p. 39 l’ultima del blocco principale del giornale. Tutti i centri di ricerca economica concordano nel dire che, dopo le due manovre restrittive di luglio e agosto, l’Italia non raggiungerà comunque il pareggio di bilancio nel 2013. Solo un miracolo potrebbe consentirlo ma l’Italia è già stata miracolata negli anni cinquanta del secolo scorso. Allora mi chiedo se comunque partiamo da uno dei deficit correnti più bassi, non è meglio puntare ad un deficit sotto il 3% e fare 1-2 punti di veri investimenti pubblici (con erogazione effettiva dei finanziamenti) per rilanciare la crescita sul serio?

                                                                                       di enzorusso2020

About Antonio Scaglione

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*