HISTORIA VERA DE LI ANNI 2010-2020 SCRITTA NER 2059. URTIMA PUNTATA

diodati.jpg

(24.12.09) Per gentile concessione di elettroni.org pubblichiamo la cronaca politica (in romanesco, visto il grande revival dei dialetti sotto la spinta delle componenti della Lega più vicine al post-strutturalismo alla Baudrillard) dei prossimi dieci anni. Anni straordinari, che giustamente saranno ricordati come i "roaring tens" di questo secolo e che ci hanno offerto eventi mirabolanti. Lasciandoci, alla fine, come Don Falcuccio. Siamo lieti di poterne dare un'anticipazione. P.S.: diversi lettori ci hanno chiesto notizie dell'autore di questi scritti. Diciamo che sono evasioni dalla seria attività di informatico svolta professionalmente da Michele Diodati, uno dei massimi esperti italiani di accessibilità dei siti Internet. Tra le sue opere, il libro monumentale “Accessibilità: guida completa”, ediz. Apogeo, Milano 2007, pag. 650. Insieme a lui scrivemmo per l'editore Buffetti, nell'ormai lontano 1997, “Internet per le pubbliche amministrazioni”.

Cenni storichi di Michele Diodati su li fatti principali capitati nell'anni 2010-2020. Overo come che semo 'rivati a l'attuale spartizzione politica der teritorio itajano


Riassunto delle puntate precedent

Proprio all'inizio del 2010, la scoperta di tre container carichi di escort di tutti i sessi, droga, armi pesanti e dvd pedofili destinati ai personaggi più in vista della società provocò uno scandalo enorme. Caduto il governo e incarcerato lo stesso Silvio Berlusconi, l'intera classe politica, di destra e di sinistra, fu spazzata via dall'indignazione popolare. Nel giro di pochi mesi il Paese era allo sbando, senza  governo, senza Presidente, senza Parlamento, senza più partiti politici. Non si sapeva né come né dove trovare una nuova classe dirigente. Ma finalmente, nel 2012, il malcontento cominciò a far sorgere nelle persone  la voglia di unirsi per trovare nuove forme di associazione e di governo del territorio. Cominciò Roma, dove la Chiesa prese in mano le redini della città, e Benedetto XVI nominò governatore un certo sconosciutissimo Don Ciccio, che con molta energia e ottimismo cominciò a rimettere le cose a posto. Anche le tasse furono ridotte. In cambio i romani furono costretti ad accettare un governo confessionale e fondamentalista di tipo islamico. Non c'era più nessuna libertà di pensiero o di culto, gli atei rischiavano il rogo. In compenso, tutti i vizi che erano proibiti pubblicamente si praticavano privatamente. Non migliore era la situazione del Mezzogiorno, governato dalle mafie, i cui capi riscuotevano direttamente l'Irpef. La Lombardia e regioni limitrofe, che si erano salvate grazie alla loro industriosità, erano diventate una Repubblica fondata sul razzismo. Le altre regioni si erano costituite anch'esse alla meglio in Comunità autonome; tra tutte, quelle di Toscana, Umbria, Emilia, Marche erano forse quelle meglio organizzate, dove c'erano meno sperequazioni e più coesione sociale. Nel 2015, quando la disgregazione dell'ex Stato unitario è giunta al massimo, Berlusconi crede giunto il momento di riconquistare il potere. Ma i suoi comizi, a Napoli, Roma e Milano, sono un autentico fallimento. La gente non ne può più di lui. Berlusconi, però, non si dà per vinto. Se non può più farlo con i voti, conquisterà l'Italia con le armi. E crea un esercito di mercenari affidandone la guida a Ghedini-Pecorella, Capezzone, Bondi. Militarmente parlando, l'Italia fa presto a diventare sua. Ma la resistenza popolare provoca un boicottaggio delle televisioni e dei prodotti di Berlusconi, che si estende sempre più e che rischia di distruggerlo commercialmente. Dovendo scegliere tra l'impero economico e il potere politico, Berlusconi sceglie il primo. Ma la mala sorte cospira contro di lui. Mentre a San Siro sta guardando il suo adorato Milan, un frammento di asteroide – chissà, un segno celeste – lo colpisce alla nuca. Finisce così per sempre la sua carriera politica.

Epilogo
Li Stati Uniti de Roma e Milano finirono de botto, cossì come ereno cominciati. Li poteri locali s'arinzediàreno e 'a vita dâ popolazzione riprese a scorre come primma: ar Norde co' 'a paura dî stranieri, 'e ronde padane, 'a filosofia de «laurà», ar Centro cor papa e 'a devozzione forzata, ar Sudde co' mafiosi e cammorristi che teneveno 'a ggente onesta sotto 'a minaccia continua d'estorzioni e soprusi.
L'anni dar 2017 ar 2020 fûrno cruciali pe' er futuro de sto Paese. Finita 'a minaccia berlusconica, li stati e staterelli che s'ereno formati sur teritorio itajano ciaveveno du strade de fronte: poteveno restà divisi e ffà ognuno pe' conto sua opure poteveno riunisse a formà 'na nazzione sola o, magara, 'na federazzione.
Manco a dillo, se scerse 'a strada dâ separazzione. Pe' falla breve, li Cispadani nun voleveno divìde 'e ricchezze sua co' li Meridionali, che chiamaveno cinicamente (ma no senza quârche raggione) gnurànt e mafiosi. A Repubbrica der Papa, ritrovato doppo 'n secolo e mezzo er potere temporale, tutto voleva fôra che cede er bastone der comanno ad artri. Li capi mafiosi de li stati meridionali, pe' parte sua, nun penzaveno manco lontanamente de rinuncià aâ pacchia d'avé sotto 'e mano mijoni de perzone da sfruttà, senza li carubba né 'a madama a rrompe l'ova ner paniere.
Ce sarebbe voluto 'n Garibbardi o 'n Mazzini pe' ffà ritrovà a l'Itajani 'o spirito der Risoggimento. Ma de Garibbardi e de Mazzini nun ne nasceveno più da 'n par de secoli. 'Ndo staveno più perzone come Massimo d'Azeglio, Carlo Pisacane, Nino Bixio, Ciro Menotti? 'A verità è che ora nun ce staveno più manco l'itajani…
'A ggente s'era ribbellata cor boicottaggio economico a la ruganza de Berlusconi, e aveveno aggito tutti 'nzieme come si fossino davero 'n popolo. Ma l'aveveno fatto pecché ereno stanchi e disincantati. Nun credeveno più a li miracoli e aâ pubbricità. Nun se faceveno più 'ntortà dî paroloni e daê promesse de 'n politico senza scrupoli e tantomeno ereno disposti a sopportà l'occupazzione militare.
Finì che se ritornò ner giro de quarche anno aô spezzatino politico der Rinascimento. Cancellata l'Italia unita, li confini naturali tra 'i staterelli diventareno confini politici. E nun ze parlava più de Europa unita, dar momento che nun era unita nemmanco l'Italia. A ffà ddata dar 2019 ce voleva er passaporto p'annà da Roma a Firenze.
Sto strano Paese diventò 'na specie de caso 'nternazzionale. Mentre che 'l monno scopriva nove forme de unità politica e de sostegno recipproco tramite 'e Nazzioni Unite ed artri organismi de respiro mondiale, qui da noi 'a divisione regnava sovrana. Li romani nun se capiveno coi napoletani, li milanesi baccajaveno coi torinesi, li bolognesi se corcaveno de botte coi fiorentini… Era tutto 'n gran casino, e a mano a mano che passaveno l'anni 'a situazzione peggiorava, ner senzo che er campanilismo locale finì pe' cioncà l'urtime speranze de riunì er Paese. De riunificazzione annava cacajanno ormai solo quarche nostargico sciroccato.

Sed de hoc satis
Aâ fine de sto racconto, ve starete a dimannà, cari scolari, si se stava mejo co' ll'unità d'Italia o si se sta mejo oggi, cinquant'anni doppo 'a fine de l'unità.
Nun esiste 'na risposta semplice. Nun è che oggi ciavemo più giustizzia de ieri o che semo più onesti o più felici. Er fatto è che nun se po' sta nzieme pe' fforza, si nun ce stà spirito civile, si nun se sente d'appartené a l'istessa patria. L'itajani purtroppo – apparte nobbili eccezzioni come l'eroi der Risoggimento e dâ Resistenza – sto spirito civile nun ce l'anno mai avuto. Pe' nnoi Romani «patria» vor dì Roma, er Cuppolone, er Papa, 'a Maggica. Pe' li milanesi «patria» è er Duomo, er panettone, 'a Scala, San Siro. Si ce sta 'na cosa che accomuna veramente l'itajani da Trieste a Trapani è propio er fatto che nun ciavémo gnente de comune, apparte er tifo pê squâdre de pallone e l'arte de fà pagà 'e tasse solamente a l'artri.
Pe' fortuna che ce sta sempre quarche fesso perzona onesta che paga pe' tutti. (E mò nun annate a di' che so' cinico.)

About Redazione

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*