HISTORIA VERA DE LI ANNI 2010-2020 SCRITTA NER 2059. TERZA PUNTATA

diodati.jpg

(3.12.09) Per gentile concessione di elettroni.org pubblichiamo la cronaca (in romanesco, visto il grande revival dei dialetti sotto la spinta delle componenti della Lega più vicine al post-strutturalismo alla Baudrillard) dei prossimi dieci anni. Anni straordinari, che giustamente saranno ricordati come i "roaring tens" di questo secolo e che ci hanno offerto eventi mirabolanti. Lasciandoci, alla fine, come Don Falcuccio. Siamo lieti di poterne dare un'anticipazione.
 
Cenni storichi di Michele Diodati su li fatti principali capitati nell'anni 2010-2020.
Overo come che semo 'rivati a l'attuale spartizzione politica der teritorio itajano.

Riassunto della prima e della seconda puntata. Proprio all'inizio del 2010, la scoperta di tre container carichi di escort di tutti i sessi, droga, armi pesanti e dvd pedofili destinati ai personaggi più in vista della società provocò uno scandalo di proporzioni enormi. Caduto il governo e incarcerato lo stesso Silvio Berlusconi, l'intera classe politica, di destra e di sinistra, fu spazzata via. Nel giro di pochi mesi il Paese era allo sbando, senza  governo, senza Presidente, senza Parlamento, senza più partiti politici. Non si sapeva né come né dove trovare una nuova classe dirigente.
Ma finalmente, nel 2012, il malcontento cominciò a far sorgere nelle persone  la voglia di unirsi per trovare nuove forme di associazione e di governo del territorio. Cominciò Roma, dove la Chiesa prese in mano le redini della città, e Benedetto XVI nominò governatore un certo sconosciutissmo Don Ciccio, che con molta energia e ottimismo cominciò a rimettere le cose a posto. Anche le tasse furono ridotte. In cambio, però, i romani furono costretti ad accettare un governo confessionale e fondamentalista.

Devozzione de Stato

Roma, e a poco a poco tutto er teritorio der Lazio, finì pe' ffa' pparte d'un novissimo, restaurato Stato della Chiesa (come se chiammava a li tempi). Drento sto "novissimo" Stato della Chiesa viggeveno 'e leggi der Vangelo. Li Dieci Commandamenti ereno tenuti come si fossero 'na vera e propia Costituzzione. Don Ciccio aveva messo su 'n'esercito, fatto de burinacci e de bulli de' quartiere convertiti a 'la nobbile causa. Sti tizzi veniveno pagati pe' ffa' rispettà li Commandamenti. Giraveno de continuo pê strade e 'e campagne e nun esitaveno a scucuzzà quarche poro cristo, si sentiveno smadonnà, si scopriveno tradimenti coniugali, si trovaveno fiji che nun rispettaveno abbastanza li ggenitori. 'A dommenica matina, poi, se doveva annà tutti aâ messa, compresi li forestieri. L'artre religgioni ereno formarmente tolerate, ma, nâ pratica, si li bravacci te trovaveno – chessò – sdrajato a tera affà 'e preghjere mussulmane, te poteveno pure sdrumà, cossì te sdrajaveno davero.
Pe' falla breve, doppo du anni de restaurazzione religgiosa, li comportamenti pubbrici de li romani ereno diventati quasi ireprenzibbili: nun se vedeveno più mignotte, drogati e 'mbriachi pê strade. Li stupratori e li piedofili ce penzaveno ducento vorte primma de fa' stronzate: siî pijaveno, li corcaveno tarmente tanto de botte che 'a priggione je pareva doppo comme 'na specie de vileggiatura.
Er rovescio dâ medaja era che nun ce stava più arcuna libbertà perzonale.  Nun potevi scrìve libberamente de èsse ateo né criticà er papa, don Ciccio, li santi e gnisuno ch'avesse a che ffa', sia pure de lontano, cor Paradiso. Nun potevi èsse frocio e nemmanco lesbica: si li burinacci te pijaveno sur fatto, te corcavano de botte peggio de li criminali. Peggiio, nun se poteveno fa' riunioni politiche. Nun se poteva fà 'n partito. Li pochi communisti superstiti veniveno trattati peggio de li froci.
'A cosa peggiore era che tutti li vizzi che ereno proibbiti pubbricamente, nê case e nî palazzi privati se praticaveno aâ granne. E quanno più che eri ricco e ciavevi amici 'mportanti, tanto più te potevi divertì co' 'e mignotte, 'a droga, li travestiti et cetera ad libitum. 'A sola differenza, rispetto a primma dô scandalo de li contàinere, era che mò bisognava stasse tutti mooolto più accorti a nun fasse scoprì.

Er Meridione co' 'e mafie ar governo

Ne l'istessi anni che a Roma se piagneva 'a fine dô Stato unitario, mentre che er tribbolo e 'a povertà der popolo raggiugneveno er massimo, a Napoli, Palermo e 'n tutta l'Italia Meridionale, 'e cose annaveno, si fosse possibbile, ancora peggio.
In quei posti, 'a presenza dô Stato nun era mai stata veramente forte. 'Na vorta che 'a madama e li carubba se ritirârno drento a li commissariati e a le caserme pe' mancanza de sordi e de ordini, 'a crimminalità organizzata ebbe campo libbero pe' ffa' tutto che voleva. Er popolo ciaveva bisogno de lavoro, de sordi e de quarcuno che garantisse l'ordine. E li mafiosi ciavéveno li mezzi pe' rispònne a tutte tre ll'esiggenze. Libberàti dar carcere li mafiosi e li cammorristi più pericolosi, questi diventârno li veri padroni der Meridione d'Italia.
'E strade e 'e piazze precedentemente 'ntitolate a li ggiudici Farcone e Borzellino, ar generale Dâ Chiesa e ad artri servitori defunti dô Stato defunto, fûrno 'ntitolati a li mejo mafiosi e cammoristi. Mò se chiamaveno via Riina, viale Provenzano, largo Schiavone, piazza Cicciotto 'e Mezzanotte (che nê guide turistiche pe' l'inglesi e l'americani era tradotta “Little Frank around Midnight Square”).
L'economia dê reggioni meridionali portava ricchezza sopra tutto a chi commannava (come che era sempre stato), mentre li poracci ereno sempre più disgrazziati. 'E monnezze tossiche veniveno sparze su li tereni aâ luce der ggiorno; 'a droga se venneva dar droghiere 'nzieme a li deterzivi; 'e mignotte e l'estorzioni veniveno gestite tramite uffici aperti ar pubbrico su 'e pubbriche piazze. Er monno criminale, pe' falla breve, s'era trasferito armi e bagagli aâ luce der Sole e nun ce se poteva fà 'na cippa de gnente.
Oviamente, li servizzi pubbrici tradizzionali – scole, 'spedali, purmann, treni – nun funzionaveno più. 'E tasse (che in quê reggioni se chiammaveno più corettamente «pizzo») se pagaveno direttamente su li conti bancari de' cammorristi e de' mafiosi. Li servizzi ereno diventati compretamente privati; tariffe, orari et cetera ereno a discrezzione de chi gestiva 'e forniture. Acqua, gasse e luce nun se poteveno più acquistà rivorgendosi a l'appositi uffici: dovevi da chiéde pe' piacere a quarcuno che stava più in arto de te. Er popolo che nun ciaveva santi 'n paradiso se dovette rassegnà a cercasse protettori de' ogne sorta, pagannoli cor lavoro nero de «'e criature», cor sangue de li morti ammazzati, co' 'a totale sottomissione aâ loro ruganza.
Pe' finì sto ritratto, se deve da dì che tutto era reso più difficile da 'e continue guere tra li clan mafiosi. 'Nzomma, si uno se sbajava a scejesse er protettore, se poteva ritrova' drento 'na cassa de legno primma ancora de capì 'ndove che aveva sbajato.

'A Repubblica Milanès ('ndo se deve da «laurà»)

Pure a Milano se visse 'n periodo de crisi teribbile. Ma li milanesi, a differenza de li romani e de li meridionali, ciaveveno er senzo der bene pubbrico. Già a l'inizzio der 2012 s'ereno messi dacordo pe' ffà 'n governo cittadino 'ndove commannaveno – guarda 'n po' – quelli che ciaveveno più bajocchi. 'A vera differenza era che a Milano se decise de gestì er potere tramite 'n'ente pubbrico, che fu chiamato Repubblica Milanès, daâ quale fecero parte ne' mesi e ne l'anni successivi varie città e paesi dâ Pianura Padana.
Sfonnata de capitali mafiosi, 'a Repubblica Milanès poteva funzionà solo se li sordi se spennevano pe' ll'opere che serviveno a li mafiosi che ciaveveno 'nvestito li capitali. Se deve pure da dì che, 'ndove ce sta 'n fracco de sordi, quasi sempre ce stanno pure grandi ingiustizzie. Cossì molti milanès, pe' bbona parte ex leghisti, odiaveno de brutto l'immigrati stranieri: li sfruttaveno pe' ffà li lavori più umili e nun je daveno gnisun diritto civile. 'Nzomma, sti poracci ereno cornuti e mazziati come quanno che ce stava 'o Stato unitario. Eppure li stranieri serviveno, ammazza si serviveno! Cossì, si er luneddì li cacciaveno fôra tutti, er marteddì li doveveno richiamà de corza pe' falli laurà, si no se bloccaveno quasi tutti li servizzi cittadini, pubbrici e privati. 'N pochetto come l'apologo de Menenio Agrippa, a li tempi de l'antichi romani…

'E comunità autonome
Er resto d'Italia se organizzò piano piano co' ll'autonomie locali. A Torino, a Firenze, a Bologna, a Venezia, a Cagliari, a Genova e 'n tantissime artre città e paesi cispadani, l'abbitanti formarono certe specie de assemblee comunali, 'ndove li rappresentanti veniveno eletti su 'a piazza centrale co' 'na votazione pe' arzata de mano. Pareva 'n metodo democraticissimo, ma, pe' scriverzi aâ votazione, bisognava dimostrà d'avé 'n certo reddito che solo pochi ciaveveno, sopra tutto doppo 'a crisi economica cominciata ner 2008.
Se trattava comunque d'un modo pe' ffà ripartì 'na parvenza de vita normale. E se deve da dì che 'e città e li teritori dâ Toscana, de l'Umbria, de l'Emilia, dê Marche ereno quelli che funzionaveno mejio e 'ndo c'èreno meno sperequazzioni e più ggiustizia sociale.

 
(segue)

About Redazione

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*