HISTORIA VERA DE LI ANNI 2010-2020 SCRITTA NER 2059. SECONDA PUNTATA

diodati.jpg

(30.11.09) Per gentile concessione di elettroni.org pubblichiamo la cronaca (in romanesco, visto il grande revival dei dialetti sotto la spinta delle componenti della Lega più vicine al post-strutturalismo alla Baudrillard) dei prossimi dieci anni. Anni straordinari, che giustamente saranno ricordati come i "roaring tens" di questo secolo e che ci hanno offerto eventi mirabolanti. Lasciandoci, alla fine, come Don Falcuccio. Siamo lieti di poterne dare un'anticipazione.

Cenni storichi presciolosi di Michele Diodati su li fatti principali capitati nell'anni 2010-2020. Overo come che semo 'rivati a l'attuale spartizzione politica der teritorio itajano.

 
Riassunto della prima puntata. Proprio all'inizio del 2010, la scoperta di tre container carichi di escort di tutti i sessi, droga, armi pesanti e dvd pedofili destinati ai personaggi più in vista della società provocò uno scandalo di proporzioni enormi. Caduto il governo e incarcerato lo stesso Silvio Berlusconi, l'intera classe politica, di destra e di sinistra, fu spazzata via. Nel giro di pochi mesi il Paese era allo sbando, senza  governo, senza Presidente, senza Parlamento, senza più partiti politici. Non si sapeva né come né dove trovare una nuova classe dirigente.  

N'antro Medioevo
Ner Paese 'ntanto se viveveno ggiorni teribbili. A poco a poco l'istituzzioni e li servizi pubbrici aveveno smesso de' funzionà. 'A ggente, che già 'e tasse 'e pagava poco, smise compretamente de pagalle. Li ministeri – senza ministri e senza 'na linea politica – nun emanaveno più circolari né decreti. Li stipendi a l'impiegati nun se poteveno più pagà. Li viggili smisero de viggilà. 'A madama, co' 'e macchine scassate, rimase drento li commissariati; li ladri e li rapinatori nun li cercava più gnisuno. Chiusero pure 'e scole, pecché nun se pagaveno più li professori, le menze, li riscardamenti. L'ospedali cercareno de continuà a ffa' l'ospedali, ma – senza salari e senza sordi pâ manutenzione – medici, 'nfermieri e machine smisero pure loro piano piano de lavorà.
A causa de sto macello nazzionale, l'economia se n'era ita a picco. 'E fabbriche nun fabricaveno più gnente, l'operai giraveno pê strade 'a manifestà contr'a li padroni mentre che li padroni giraveno pe' artre strade 'a manifestà contr'all'operai. Gnisuno pagava più 'e bollette der gasse, dâ luce, dâ monnezza e 'e città cominciareno a stà senza gasse senza luce e co' 'a monnezza ch'arivava fin'a li primi piani dî palazzi. Senza luce, li compiuter nun poteveno più funzionà e cossì se fermò pure 'l traffico su Internet, lascianno tutti più soli e attufati de strizza.

Tutto er 2011 passò de sta maniera
e sembrava d'esse aritornati ar Medioevo. L'Itajani, doppo èssessela presa co' li politici, cominciareno a prendessela co' se stessi: quant'ereno stati mafiosi, maneggioni, corotti, ladri ed evasori, pe' ritrovassi aâ fine drento 'n Paese de mmerda (sic), dove nun se poteva elègge più né governo né Parlamento! 'N Paese 'ndo se candidaveno a l'elezzioni solo ciartroni e fiji de 'na mignotta.
A Roma, a Milano, a Napoli, a Palermo, 'a ggente cominciava a fasse giustizzia sommaria: ce fûrno morti pê strade, saccheggi, soprusi 'ntolerabbili.
Ma finarmente er marcontento cominciava a ffa' sorge nê perzone 'a voja de trovà nove forme de associazzione e de governo der teritorio. Er 2012 segnò pecciò 'n'inverzione de tendenza ner decadimento: se smise de cadé e se cominciò faticosamente a risalì. Nacquero certi governucci locali, ciascuno secondo 'e tendenze e 'e caratteristiche der posto e der popolo.

Er novo governo cristianissimo de Roma
E chi c'era a Roma che poteva fà 'n governo? 'A Chiesa, oviamente. Er papa Benedetto, perzona onestissima, fece piazza pulita de tutti li cardinalacci che – liste aâ mano – risultaveno 'nguajati co' li tranz, 'a droga e li DVD piedofili. Nominò come vicario e plenipotenziario urbi et orbi 'n certo sconosciutissmo Don Ciccio, prete de 'na parocchietta de periferia, 'gnorantello anzichennò, ma onesto, puro de core, e che ciavéva – co' decenza parlanno – du cojoni granni come palle de canone. Er papa aveva capito che in quei frangenti, più che 'a teologgia, serviva er senzo pratico pe' rimétte apposto 'e cose, pe' llo meno a Roma e dintorni.
Fu cossì che, 'n ber ggiorno de' maggio der 2012, er papa se sporze dar famoso barcone che dava su Piazza San Pietro e, co' molta semplicità, aringò mijara de romani convenuti pe' l'occasione: «Kari frateli e sorele», disse er papa sfoderanno er zu 'nconfondibbile accento tedesco, «è con krantissima cioooia che vi presento un karo amico: don Cicio da Casal Palocco. Don Cicio sarà in qvesti momenti dificili più di un papà e di una mamma per voi romani. Li ho affitato qvesta cità smarita afinké vegli su di voi, con la sua cioooia di fifere, la sua forza d'animo, la sua krante kapacità orkanizzatifa».

'Nzomma, pe' mancanza d'artre autorità, don Ciccio divenne da 'n ggiorno a n'artro 'na specie de re de Roma. E fu 'n bravo re, a èsse sinceri. Co' li sordi der Vaticano, principarmente co' quî sequestrati a li cardinalacci corotti e fregnoni, fece ripartì li servizzi pubbrici principali: l'ospedali, 'e scole, li purmann, li tassì, 'a metropolitana, 'a luce, er gasse, 'o smartimento dâ monnezza et cetera.
Piano piano 'a ggente ricominciò ad avé fiducia ner futuro. Tantissimi, ch'a Roma campaveno de lavoro pubbrico drento a li ministeri, a la Reggione, a la Provincia, ar Comune, se dovettero da 'ngegnà pe' 'nventasse artri lavori. Nacquero cossì molti piccoli comerci locali. Siccome che 'a crisi economica aveva distrutto er ciclo 'ndustriale, 'sti comercianti novi se 'ngegnarono a riciclà tutto quello che se poteva da riciclà: e bocce de vetro, li cartoni usati, l'aluminio, er rame, 'e scarpe, li vestiti vecchi, 'e biciclette, li motorini, li compiuter, e ppoi libbri, ggiornali, pezzi de màchine rottamate, telefonini vecchi… Era tutto 'n fiorire de attività.
Sordi ne giraveno pochi, màchine pure: epperò 'a ggente sembrava più felice. L'aria pareva meno 'nquinata, de monnezza se ne faceva molta de meno, anche pecché l'imballaggi s'ereno ridotti ar minimo, datosi che carta e cartone veniveno riciclati 'nzieme a le bocce de vetro e a tante artre cose che primma se buttaveno.

Come che l'economia se fu 'n pochetto ripresa, er Vaticano smise de sovvenzionà li servizzi pubbrici a gratise e cominciò a fasse pagà quarche tassa. Ma sapenno quanno che ereno geneticamente evasori l'abbitanti de Roma (e de l'Italia tutta), don Ciccio nun mise 'mposte su 'e perzone, ma solo su 'e cose e sui servizzi. Quarsiasi cazzatella se vennéva a Roma, ciaveva sopra 'na peccentuale der 30 peccento ch'annàva aâ Chiesa: «Pe'll'anime de li peccatori e aâ maggior gloria de Dio», giustificava l'esazzioni don Ciccio. E er popolo 'n verità pagava senza troppo dispiacessi, giacché era grato che 'n fonno quarcuno avev'avuto er buon senzo e 'a capacità de rimétte 'n piedi 'a società e l'economia.
Ma li romani dovettero da pagà pure n'artra tassa ar Vaticano e sta tassa nun se pagava co' li sordi: se pagava co' 'a devozzione.

 
(segue)

About Redazione

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*