HISTORIA VERA DE LI ANNI 2010-2020 SCRITTA NER 2059. QUINTA PUNTATA

diodati.jpg(18.12.09) Per gentile concessione di elettroni.org pubblichiamo la cronaca politica (in romanesco, visto il grande revival dei dialetti sotto la spinta delle componenti della Lega più vicine al post-strutturalismo alla Baudrillard) dei prossimi dieci anni. Anni straordinari, che giustamente saranno ricordati come i "roaring tens" di questo secolo e che ci hanno offerto eventi mirabolanti. Lasciandoci, alla fine, come Don Falcuccio. Siamo lieti di poterne dare un'anticipazione. P.S.: diversi lettori ci hanno chiesto notizie dell'autore di questi scritti. Diciamo che sono evasioni dalla seria attività di informatico svolta professionalmente da Michele Diodati, uno dei massimi esperti italiani di accessibilità dei siti Internet. Tra le sue opere, il libro monumentale “Accessibilità: guida completa”, ediz. Apogeo, Milano 2007, pag. 650. Insieme a lui scrivemmo per l'editore Buffetti, nell'ormai lontano 1997, “Internet per le pubbliche amministrazioni”. 

Cenni storichi di Michele Diodati su li fatti principali capitati nell'anni 2010-2020. Overo come che semo 'rivati a l'attuale spartizzione politica der teritorio itajano



Riassunto delle puntate precedenti

Proprio all'inizio del 2010, la scoperta di tre container carichi di escort di tutti i sessi, droga, armi pesanti e dvd pedofili destinati ai personaggi più in vista della società provocò uno scandalo enorme. Caduto il governo e incarcerato lo stesso Silvio Berlusconi, l'intera classe politica, di destra e di sinistra, fu spazzata via dall'indignazione popolare. Nel giro di pochi mesi il Paese era allo sbando, senza  governo, senza Presidente, senza Parlamento, senza più partiti politici. Non si sapeva né come né dove trovare una nuova classe dirigente. Ma finalmente, nel 2012, il malcontento cominciò a far sorgere nelle persone  la voglia di unirsi per trovare nuove forme di associazione e di governo del territorio. Cominciò Roma, dove la Chiesa prese in mano le redini della città, e Benedetto XVI nominò governatore un certo sconosciutissmo Don Ciccio, che con molta energia e ottimismo cominciò a rimettere le cose a posto. Anche le tasse furono ridotte. In cambio i romani furono costretti ad accettare un governo confessionale e fondamentalista di tipo islamico. Non c'era più nessuna libertà di pensiero o di culto, gli atei rischiavano il rogo. In compenso, tutti i vizi che erano proibiti pubblicamente si praticavano privatamente. Non migliore era la situazione del Mezzogiorno, governato dalle mafie, i cui capi riscuotevano direttamente l'Irpef. La Lombardia e regioni limitrofe, che si erano salvate grazie alla loro industriosità, erano diventate una Repubblica fondata sul razzismo. Le altre regioni si erano costituite anch'esse alla meglio in Comunità autonome; tra tutte, quelle di Toscana, Umbria, Emilia, Marche erano forse quelle meglio organizzate, dove c'erano meno sperequazioni e più coesione sociale. Nel 2015, quando la disgregazione dell'ex Stato unitario è giunta al massimo, Berlusconi crede giunto il momento di riconquistare il potere. Ma i suoi comizi, a Napoli, Roma e Milano, sono un autentico fallimento. La gente non ne può più di lui. Berlusconi, però, non si dà per vinto. Se non può più farlo con i voti, conquisterà l'Italia con le armi. E crea un esercito di mercenari affidandone la guida a Ghedini-Pecorella, Capezzone, Bondi.

'A guera lampo
Com'era nâ filosofia de' Berlusconi, gnente fu lasciato ar caso.
L'enormi tenute de Arcore e de Villa Certosa fûrno trasformate 'n piazze d'armi e l'esercito – composto principarmente de mercenari che veniveno dâ Svizzera e dâ Leggione Straniera – fu sottoposto nun solo a l'addestramento militare propiamente detto, ma anche a 'na specie de lavaggio der cervello pe' aumentà a determinazzione de' combattenti. Ogne sordato doveva da passà armeno du ore ar ggiorno ne' tre centri d'orientamento creati a sto scopo: 'a Palestra Fede, 'a Palestra Ferara e 'a Palestra Minzolini. Fu pure creato 'n corpo d'elitte de guastatori, 'na specie de X-MAS chiamato Manipolo Previti, cor compito preciso de sabbotà tutto ciò che se poteva da sabbotà.
Solo quanno che fûrno veramente pronte, nâ primmavera der 2016, 'e tre divisioni iescirono da l'accampamenti e se disperzero sur teritorio. 'A strateggia messa a ppunto da li ggenerali prevedeva de conquistà subbito 'e granni città, a comincià da Roma e da Milano. Li battajoni de stanza ad Arcore se diressero verzo Milano, mentre quî de Villa Certosa fûrno paracadutati nâ campagna romana, pronti a invàde er dominio der Papa.
'A notte der 25 aprile – data simbolica dâ defunta repubbrica itajana – inizziò simurtaneamente 'a 'nvasione de Roma e de Milano. 'E truppe berlusconiche se pijareno ste du città quasi senza trovà resistenza. Raggiunzero li centri der potere locale e l'occupareno, Vaticano compreso. Er Papa fu lasciato ne' l'appartamenti sua, che tanto nun poteva dà fastidio.
Er ggiorno doppo, tutte 'e radio e tutte 'e televisioni daveno a ciclo continuo 'a notizzia che Berlusconi era er novo reggente de li Stati Uniti de Roma e de Milano e che molto presto er resto d'Italia se sarebbe aggiunto a sti du Stati «fortunati». Fu dato pessìno l'anuncio de 'na memorabbile ceremonia de 'ncoronazione, che se sarebbe svorta 'a notte de Natale, durante 'a tradizzionale messa de mezzanotte. 'N quâ data – dissero 'e televisioni – er Papa avrebbe grazziosamente 'ncoronato er Berlusca, che sarebbe cossì diventato Rex Italorum, er primmo de na nova schiatta de re. Er futuro re 'ntanto s'aggirava pê stanze der Quirinale occupato, sentendosi ggià Sirvio I e sfracassando li maroni dî presenti co' na frase ripetuta a l'infinito: «Roma val bene una messa, Roma val bene una messa». Du palle!
Nî ggiorni seguenti l'Esercito delle Libertà 'nvase e conquistò tutte 'e città più 'mportanti, co' meno fatica de quâ ch'aveveno fatto l'americani pe' conquistà Bhagdad ner 2003. Pe' ffortuna, senza spaggimenti de sangue. Era successo che gnisuno dî teritori autonomi ciaveva li sordi e l'organizzazione pe' mette' 'nzieme n'esercito vero e propio. Sicché pessìno li capi mafiosi dê reggioni meridionali dovettero sta bboni e ffà buon viso a cattivo gioco.

'A Resistenza

Ma come spesso succede quanno che se canta vittoria troppo presto, 'e cose presero 'na piega da fa annà 'n puzza l'invasore. Li teritori, sì, ereno stati occupati, ma no veramente conquistati. 'A verità è che fin da subbito cominciò a fasse sentì 'a voce dâ Resistenza. Tutto de m’botto sartava pe' ll'aria 'n caro armato, 'n deposito de munizzioni, 'n palo de l'arta tenzione. L'invasore era sotto 'a minaccia continua de l'attentati teroristichi, come li chiamaveno li ggiornali eê televisioni der Berlusca.
Sgominà li "teroristi", però, nun era pe' gnente facile. Nun se sapeva chi ereno: nun ciàveveno n'esercito, 'na divisa, 'na bbase operativa. Poteva esse l'impiegato de banca o lo scopino che, finito er propio lavoro, se cambiava d'abbito e se n'annava de notte 'n giro a ffà sartà n'caro armato o 'na caserma.
Er Berlusca fu costretto, cossì, a delibberà er coprifoco e 'a legge marziale, ner tentativo de fermà sta Resistenza der cazzo (come 'a chiammava lui). Sicché 'e città divennero tristi e vote, soprattutto de sera, co' ggrave preggiudizzio pe' l'economia, che da poco aveva cominciato a riprendesse. Er Cavaliere nun era mai stato cossì impopolare, nonnostante li sondaggi je davano sempre er 95% de conzenzo…
'A ggente, che nun ne poteva più de esse governata da prepotenti e da fregnacciari, stavorta se mise de 'mpegno pe' sabbotà er piano de potere de Berlusconi. L'azzioni de guerija se fecero più rare a causa der coprifoco, ma 'a Resistenza aveva ggià trovato quarcosa de mejo: n'arma veramente letale, datosi er tipo de nemico che stava a combàtte. Stamo a parlà de l'arma economica: corpì Berlusconi ar core, cioè ar portafojo. Se doveva falli perde li sordi, li bajocchi, li conquibus, 'a grana, li papabraschi, 'e piotte, li testoni, o comme artro li vôi chiamà.
Come 'na specie de passaparola, se diffuse tra li resistenti er principio de nun dà sordi a l'azziende de l'invasore. Pe' nessuna raggione. Mai! Cossì, l'Auditel – 'a società che controlava l'ascorti dê televisioni – cominciò a reggistrà 'n crollo verticale dê trasmissioni in onna su 'e Tivvù de «Sirvio I». Pessino 'e bacucche che s'ereno ggià viste quattrocennomila puntate de Biutiful, fecero er sacrificio – eroico – de cambià canale: diceveno che Rigge, er protagonista, ormai s'era fatto troppo vecchio e che, tutto sommato, era mejo vedesse 'n torneo de bocce o de briscola su a rete TV locale.
'E conseguenze economiche fûrno rapide e devastanti pe' ll'impero de «Sirvio I». Se dovette da cancellà pessìno er programma der Grande Fratello… no pe' gnente se trattava dâ 17esima edizzione. L'azziende che pagaveno fior de mijoni pâ pubbricità, chiusero li cordoni dâ borza, dar momento che – senza ascorti – li passaggi TV dî spot nun serviveno a 'n cazzo (co' ddecenza parlanno).
Chi teneva li bajocchi nê banche de Berlusconi, chiuse li conti. Chi s'era assicurato co' 'e compagnie sua, se fece rimborzà 'e polizze. Er sabotaggio economico corpì pure cinema, libbri e ggiornali. Ner giro de n'anno, tutte 'e fonti de reddito der Cavaliere s'ereno seccate, come er letto de n' fiume svotato a valle da 'na diga messa a monte.

Finisce l'opera de' pupi

«Sirvio I», chiammàmolo cossì, se trovò dinnanzi ar pobblema più devastante dâ vita sua: si se teneva er potere politico e militare, se sarebbe sputtanato tutti, ma propio tutti, li mijardi araffati guadambiàti ner corzo de 'na vita 'ntera de lavoro.
Passò li ggiorni peggiori dâ vita sua a ppesà cor bilancino der gioieliere si valeva de più er potere opure li conquìbus, le du cose che ggiudicava più importanti ar monno doppo 'e mignotte.
Aâ fine, stremato daê notti 'nzonni, se decise a lassà er potere politico: capì, 'nfatti, che li sordi – ar momento – serviveno più dâ politica e de l'esercito, pecché senza li primmi nun ce poteva er resto… 'e po' 'e mignotte – se sa – so' senzibilissime ar fascino der danaro. Cossì er Berlusca fece quarcosa che li costò 'n dolore granne armeno quanno quello che provò lo 'mperatore der Giappone quanno che s'arese a l'americani aâ fine dâ Seconna Guera Mondiale: sbaraccò tutte 'e cose sua dar Quirinale e, de notte, senza dì 'na parola, se ne tornò a Milano.
E cossì Sirvio I nun magnò er panettone a Roma, come diceveno li milanès. Rinunciò cioè a la 'ncoronazzione, pe' ggrazzia ricevuta de tutti l'abbitanti dâ Penisola, Sicilia e Sardegna comprese. Ma drento de sé, co' l'inguaribbile ottimismo sua, era certo che, passata forze 'na decina d'anni, se sarebbe ripreso tutto – potere e sordi – co' l'interessi. Tanto, avè novant'anni, pe' llui, era come avenne cinquânta pe' na perzona qualunque.
Nun poteva sapé, poraccio, che a commare secca l'istava a ppreparà 'n tiro de' sua. 'N brutto ggiorno, mentre che er Berlusca stava a San Siro a vvéde er zu beneamato Milan, successe er fattaccio. 'N asteroide de 'na decina de metri se và a 'ntruppà su l'ammosfera terestre e se sfraggne de brutto. Se forma cossì 'na pioggia de mijara de tocchi sbrilluccicanti che cascheno su tutta l'Italia Cispadana e su 'a Svizzera. Miracolosamente, 'a fine ce so' sortanto du vittime, 'na bestia e n'omo: 'n porco de 'n contadino svizzero de nome Gimmi (er porco, no 'l contadino), spiaccicato da 'n meteorite mentre che s'avviava ar trogolo, e er poro Berlusca, che, senza avè nemmanco er tempo de urlà «Cribbio!!», se becca 'na crocca spaventosa su 'a capoccia, datosi che er mammozzone caduto dar cielo ha sfonnato er tetto dô stadio come che fosse de buro.
Quarcuno, nî ggiorni successivi, se prese 'a libbertà de dì che s'era trattato de 'n segnale celeste…

(segue la Sesta et urtima puntata. Ma tranquilli, l'Itaja è sempre l'Itaja)

About Redazione

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*