HISTORIA VERA DE LI ANNI 2010-2020 SCRITTA NER 2059. PRIMA PUNTATA

diodati.jpg

(25.11.09) Per gentile concessione di elettroni.org pubblichiamo la cronaca (in romanesco, visto il grande revival dei dialetti sotto la spinta delle componenti della Lega più vicine al post-strutturalismo alla Baudrillard) dei prossimi dieci anni. Anni straordinari, che giustamente saranno ricordati come i "roaring tens" di questo secolo e che ci hanno offerto eventi mirabolanti. Lasciandoci, alla fine, come Don Falcuccio. Siamo lieti di poterne dare un'anticipazione.

 Cronache dal futuro di Michele Diodati  

Cenni storichi presciolosi su li fatti principali capitati nell'anni 2010-2020. Overo come che semo 'rivati a l'attuale spartizzione politica der teritorio itajano.

Propio a l'inizzio der 2010, cadde er governo de Sirvio Berlusconi. Successe che, pe' causa de 'no spione, fûrno scoprìti tre conteinere carichi de mignottoni, cocaina, novalgina, bombe a mano e DVD pedofili. Drento a lo doppio fonno de 'n conteinere ce stava pure 'n carico de tranzessuali – overo perzone che staveno 'n po' de qua e 'n po' de là – che a li tempi se portaveno 'na cifra.
Le bolle d'accompagno de li conteinere – scritte co' 'n linguaggio segreto ch'avrebbono capito pure li pischelli de Tor Pagnotta – diceveno che ereno destinati 'nanzi che tutto ar Berlusconi, paa parte relativa a le mignottone. Ma nun era solo lui coinvolto. Er resto der carico, torte le bonazze, era da spartì tra tutte 'e principali perzonalità politiche e religgiose der Paese. Cardinali, ministri, senatori, prefetti, pessìno li ggiornalisti dâ Tivvù: pe' ogne invorto de coca, pe' ogne tranzessuale, pe' ogne DVD piedofilo co' 'e peggio schifezze, ce stava 'n nome 'mportante scritto su 'a lista. E fûrno trovate 'e prove che provaveno fôra de ogne dubbio che staveno tutti che dacordo: destra e sinistra, cispadani e meridionali. E li peggio corotti, cornutoni e maneggioni ereno propio quelli che naa vita politica ed economica daa nazzione ciavéveno li mejo posti. Li contàinere scopriti ereno solo l'antipasto delle forniture pel magna magna ggenerale.

'O scànnalo fu granne. 'A ggente commune, quella che rubbava poco e solo quanno che era possibbile, se ribbellò gajardamente e, pe' via de strepiti dinnanzi ar Vaticano e a li artri palazzi der potere, costrinze li cornutoni a lascià 'e propie cariche. Berlusconi, che nun ne voleva sapé de diméttesse, fu preso de peso dê guardie der corpo e sarvato a stento da l'ira der popolo. Tramite 'n passaggio segreto, 'o portârno co' tutta 'a portrona – che piagneva e se l'abbracciava – drento n'appartamento 'gnoto de Castel Sant'Agnolo e ibidem 'o lasciârno pe' du tre anni, li quali passò tutti a urlà: «Maledetti comunisti, cribbio! Stalinisti, maoisti, mangiabambini a tradimento!!», e poi, singhiozzando: «Ghe pensi mi, ghe pensi mi, ghe pensi mi!!»

'A fine de l'istituzzioni e de l'unità nazzionale. Meno de dieci ggiorni doppo er fattaccio, er Paese era aô sbando. Nun ce stava più 'n governo. E pure er Parlamento era bbello che mmorto. 'A ggente nun se fidava più de li maneggioni de primma, ma nun ce stava chi li potesse sostituì. Se scoprì che 'n tutt'er Paese nun essisteva più 'na classe diriggente degna de sto nome. Doppo 'a crisi der 2008-2009, l'industriali ciavéveno 'e pezze ar culo. Li marpioni aveveno chiuso 'e fabbriche e s'erano portati li bajocchi a l'estero. Li fessi aveveno solo chiuso 'e fabbriche. Li professori universitari nun sapeveno 'na mazza de gnente. Nun ciavéveno curtura né tantomeno carisma. Ereno 'na manica de raccomannàti, che – co' decenza parlanno – se cacaveno pure sotto. Li ggiornalisti dâ Tivvù ereno pe' bbona parte servi e mò nun sapeveno più chi doveveno servì. Li partiti politici ereno pieni de corotti e de ciartroni, che campaveno solo co' li sordi de li artri. Li militari voleveno sparà a quarcuno, ma nun sapeveno a chi doveveno sparà. Li ggioveni ereno sempre 'mbriachi e drogatissimi e, tutt'ar più, aspiraveno a ffà l'operatori de col-senter o, li più paraculi, li disoccupati a vvita co' 'a rendita dî genitori o dî nonni.

'Nzomma, pe' favvela breve,
nun se sapeva che ffà. Er Presidente daa Repubbrica sciorze 'e Càmmere e stabilì che se facessero nove elezzioni. Napolitano – cossì se chiammava er Presidente a l'epoca – convocò li pochi politici onesti che s'ereno sarvati dar disastro de li conteinere, ma ben presto se capì che nun ce stava manco 'a ggente ppe ffà du liste elettorali farlocche. E 'nfatti li partiti esistenti s'ereno troppo sputtanati. Se svorzero comunque l'elezzioni co' ccerte liste «fatte a cazzo» (come se dice vorgamente), ma – 'n pochetto pecché 'a televisione de Berlusconi s'era messa a trasmétte solo canzoni napoletane, 'n pochetto pecché c'era 'a crisi economica e 'a ggente ciaveva artro pâ capoccia – l'urne rimasero compretamente deserte. 'A peccentuale dî votanti fu der 3% – mai vista 'na cosa simmile! – e er Presidente Napolitano nun sâ sentì de nominà 'n governo novo privo de conzenzo popolare.
Ne li primmi mesi der 2011, mentre che ce stava ancora sta vacanza der potere, er PDL, er partito de Berlusconi, fu sciorto d'ufficio pe' mancanza de' programmi e de' 'scritti. Doppo 'a caduta der governo, molti deputati e senatori ereno stati arestati, artri se l'ereno squajata a l'estero. Li pochi rimasti nun ciavéveno più 'na bbase elettorale, pecché – come spesso accade drento a sto strano Paese – chi l'aveva votati fingeva mò che nun l'aveva mai visti primma.

Pure 'a Lega Lombarda fu sciorta: hai voja a gridà «Roma ladrona» quanno poi fai peggio de li Romani! Tutti li principali esponenti dâ Lega risultaveno 'nfatti nê liste trovate su li contàinere. Fûrno sputazzati su 'a pubblica piazza dâ folla 'nferocita e se sarvârno dar linciaggio sortanto pecché ciavéveno più gguardie der corpo di quanti ereno quelli che li voleveno ammazzà.
Ma li politici de l'artra parte nun sâ passaveno mejo. Pure er PD fu sciorto, e no pecché nun ce staveno più politici drento ar PD. Quelli ce staveno ancora. (E chi l'ammazzava a quelli?) Comecchessìa, li superstiti der PD cercaveno ciascuno a modo sua de' fà 'a voce grossa a l'interno der partito. Ma er pobblema era che parlaveno tutti 'nzieme e diceveno cose troppo diverze tra loro. 'A ggente, che già stava 'ncazzata de suo, nun ci ebbe più voja de stà appresso a 'n partito che – co' decenza parlanno – nun se capiva che cazzo voleva.
E, pe' ffinì er quadro politico dâ sinistra, fu sciorta pure l'Italia de' Valori de Tonino Di Pietro, a causa der fatto che er popolo s'era stancato de 'n partito che parlava de ggiustizzia quanno che tutti se faceveno 'nvece l'affaracci sua. Dâ ggiustizzia, 'nzomma, nun je fregava più gnente a gnisuno.

Ar Centro, 'nfine, morì de morte naturale
er partito de l'UDC, dar momento che li valori cristiani, a l'epoca, nun se li filava gnisuno peggio dâ ggiustizzia… E, tra tutti, meno che mai l'esponenti de l'UDC. Pare anzi che li tre contàinere scoprìti dâ polizzia fossero proprio de proprietà loro, de l'UDC.
A sto punto, er povero Napolitano nun sapeva che pesci piglià. Essenno che già era vecchio de suo, 'n brutto ggiorno se stranì e je venne 'n coccolone. 'O ricoverârno ar Bambinggesù co' li tubbi d'osiggeno che je 'sciveno dâ nasca.  Data a forte fibbra se riprese alla grande ma li medici proccupati der futuro 'o costrinsero  dde forza a dda' 'e dimissioni.
Povera Italia! Ner giro de pochi mesi se ritrovò senza er governo, senza er Presidente, senza er Parlamento, senza più partiti politici. Nun se sapeva né comme né indove trovà 'na nova classe diriggente. Era 'na catastrofa e 'a corpa principale nun era dâ ggente ma de li capi: se sa che er pesce puzza sempre dâ capoccia.

(segue)

About Redazione

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*