CASA, UN COSTO INSOSTENIBILE. IL 27% DEL REDDITO DELLA FAMIGLIA SE NE VA PER L’AFFITTO

casa diroccata.jpg

(17.11.08) Il 27% del reddito netto delle famiglie italiane è stato impiegato per pagare l’affitto della propria abitazione nel I semestre 2008. Rispetto al II semestre 2007, in cui la spesa per l’affitto incideva del 25% sul reddito, si è registrato un aumento pari al 6,3%. Gli affitti mensili medi nelle grandi città ammontano a circa 923 euro per un totale annuo di 11.087 euro, Questi, in sintesi, i dati emersi dal II rapporto “Famiglia, reddito, casa”, elaborato dalla Uil. Che descrivono una situazione allarmante.
 

Il rapporto 2008 “Famiglia, reddito, casa”, spiega il segretario confederale della Uil Guglielmo Loy, partendo dallo schema metodologico del precedente ha voluto mettere in rilievo tre aspetti:

  1. i valori immobiliari aggiornati al I semestre 2008;
  2. i valori delle locazioni aggiornati al I semestre 2008 e la relativa incidenza sui redditi delle famiglie;
  3. i provvedimenti di sfratto emessi ed eseguiti nel 2007 (ultimi dati disponibili).

Come per il precedente rapporto, è stato utilizzato come campione di riferimento una famiglia composta da due lavoratori dipendenti, con due figli a carico, che percepisce un reddito lordo annuo pari a 36.000 euro e vive in affitto in una delle città Capoluogo di Regione; il costo dell’affitto è stato calcolato sulla base della media tra il costo minimo e il costo massimo di un appartamento di 70 mq., in stato conservativo normale, ubicato in area centrale, semicentrale e periferica.
Analizzando i dati emerge quanto sia arduo per una famiglia italiana acquistare un’abitazione: ad esempio a Roma dal I semestre 2007 al I semestre 2008, il costo medio di un appartamento di 70 mq. è passato da 406.000 euro a 425.833 euro con un aumento pari al 4,6%; Milano da 288.750 euro a 296.920 euro con un aumento pari al 2,7%; Bologna da 267.167 euro a 269.500 euro con un aumento dello 0,9%; Napoli da 252.233 euro a 264.483 euro con un aumento del 4,6%; Firenze da 252.583 euro a 255.500 euro con un aumento dell’1,1%; Genova da 223.300 euro a 232.167 euro con un aumento del 3,8%; Bari da 139.417 a 168.820 euro con aumento del 17,4%; Torino da 141.633 euro a 162.280 euro con un aumento del 12,7%; Palermo da 143.733 euro a 152.600 euro con un aumento dello 5,8%; mentre a Venezia il costo medio di un appartamento risulta invariato (325.500 euro) tenendo in considerazione che i dati forniti dall’Agenzia del Territorio (valori immobiliari al mq) riguardano solo l’area centrale e suburbana.
In un’ ideale classifica sul costo degli affitti, al primo posto troviamo di nuovo Roma, dove si registra una media di 1.782,70 euro mensili che incidono sul reddito della famiglia presa a campione per il 68,7 %; seconda classificata Venezia dove, per l’affitto del nostro appartamento tipo, occorrono 1.470 euro e dove questa spesa incide del 56,7 % sul reddito; segue Firenze con 1.082,70 euro mensili ed un’incidenza sul reddito pari al 41,7%; Milano con 997,50 euro e un’incidenza pari al 38,4 %; Bologna con 968,30 euro e un’incidenza pari al 37,3%;Siena con 941,50 euro e un’incidenza pari al 36,3%; Livorno con 828,30 euro e un’incidenza pari al 31,9%; Salerno con 827,20 euro e un’incidenza pari al 31,9%; Prato con 822,50 euro e un’incidenza pari al 31,7%; Rimini con 759,50 euro e un’incidenza del 29,3%.
A scendere nella classifica troviamo Caltanissetta con 231,00 euro e un’incidenza dell’8,9%; Trapani con 246,75 euro e un’incidenza del 9,5%; Ragusa con 247,30 euro e un’incidenza del 9,5%; Agrigento con 255,50 euro e un’incidenza del 9,8%; Asti con 257,80 euro e un’incidenza del 9,9%; Cuneo con 274,20 euro e un’incidenza del 10,6%; Matera con 274,20 euro e un’incidenza del 10,6%; Vercelli con 275,30 euro e un’incidenza del 10,6%; Verbania con 285,80 euro e un’incidenza dell’11%; Brindisi con 289,30 euro e un’incidenza dell’11,1%; Urbino con 308,00 euro e un’incidenza dell’11,9%.
Una delle conseguenze della ormai insostenibilità degli affitti o dell’acquisto è la progressiva crescita della morosità; continua, infatti, ad essere sempre molto elevato il numero degli sfratti: nel 2007 sono stati emessi 43.739 provvedimenti di sfratto di cui il 77,44% per morosità (nel 2006 erano il 75,5% del totale). La Regione in cui si è registrato il numero più elevato di provvedimenti di sfratto emessi è il Lazio, seguita da Lombardia ed Emilia Romagna.
Nel Lazio il 64,8 % degli sfratti avviene per morosità , mentre in Lombardia e in Emilia Romagna la causa di morosità viene sollevata rispettivamente nell’ 80 e nell’ 88 % dei casi. Rispetto al 2006 la Regione che ha fatto registrare la variazione percentuale di sfratti più elevata è stata la Puglia con un incremento pari a +30,89 % e la Campania con una diminuzione del -42,65 %. La Regione in cui il rapporto tra n° degli sfratti emessi/famiglie residenti è più elevato risulta la Calabria dove nel 2007 è stato emesso 1 sfratto ogni 2.295 famiglie, seguita da Basilicata, Sardegna e Campania dove è stato emesso rispettivamente 1 sfratto ogni 1.596, 1.569 e 1.039 famiglie.
Le Regioni dove il rapporto sfratti emessi/famiglie risulta essere più basso sono invece, Toscana, Lazio ed Emilia Romagna rispettivamente con 1 sfratto ogni 314, 348 e 370 famiglie.
Per la UIL, e come confermano i dati emersi, occorre collocare al centro dell’agenda politica il problema della casa quale diritto innegabile del cittadino perseguendo un piano programmatico e non solo emergenziale.

TABELLE

 

Incidenza % del costo mensile medio dell’affitto di un appartamento di 70 mq. sul reddito di una famiglia composta da 4 persone (con due figli minori a carico) che percepisce un reddito lordo annuo di 36.000 Euro (Città Capoluogo di Regione)
 

CAPOLUOGO DI REGIONE

COSTO MENSILE MEDIO DEGLI AFFITTI

INCIDENZA % AFFITTO SU REDDITO MENSILE NETTO

Aosta

532,00

20,5

Torino

744,30

28,7

Milano

997,50

38,4

Trento

534,30

20,6

Venezia

1.470,00

56,7

Trieste

471,30

18,2

Genova

499,30

19,2

Bologna

968,30

37,3

Firenze

1.082,70

41,7

Ancona

554,20

21,4

Perugia

484,20

18,7

Roma

1.782,70

68,7

L’Aquila

334,80

12,9

Campobasso

576,30

22,2

Napoli

661,50

25,5

Bari

567,00

21,8

Potenza

357,00

13,8

Catanzaro

387,30

14,9

Palermo

465,50

17,9

Cagliari

536,70

20,7

MEDIA

700,30

27


Provvedimenti di sfratto emessi nel periodo Gennaio-Dicembre 2007 (valori assoluti)
Situazione regionale

Regioni

Provvedimenti di sfratto emessi

Sfratti eseguiti

Necessità del locatore

Finita locazione

Morosità o altra causa

Totale

v.a.

v.a.

v.a.

v.a.

v.a.

Valle D'Aosta

0

18

125

143

55

Piemonte

0

468

3.432

3.900

2.725

Lombardia

55

1.197

4.990

6.242

3.210

Trentino A.A.

25

129

420

574

231

Veneto

13

448

2.372

2.833

1.367

Friuli V.G.

6

147

820

973

625

Liguria

47

498

1.504

2.049

1.202

Emilia Romagna

36

569

4.471

5.076

2.449

Toscana

80

1.264

3.637

4.981

1.605

Umbria

7

72

637

716

286

Marche

93

116

618

827

622

Lazio

56

2.205

4.161

6.422

2.466

Abruzzo

1

97

533

631

470

Molise

0

30

147

177

177

Campania

95

566

1.313

1.974

2.321

Puglia

102

530

1.456

2.088

578

Basilicata

0

24

117

141

61

Calabria

31

131

167

329

236

Sicilia

25

638

2.580

3.243

1.519

Sardegna

0

48

372

420

193

Italia

672

9.195

33.872

43.739

22.398

About Contrappunti

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*